E’ primavera. A Racale fiorisce la cultura

Ritorna il calendario della bella stagione

Il comune di Racale e la libreria Kube di Gallipoli, presentano “Primavera di cultura”, che vedrà la partecipazione di personaggi di spicco della cultura, mostre e la presentazione di due libri

Parte domani a Racale la seconda edizione di “Primavera di cultura”. Dopo il successo dell’incontro con Giampiero Mughini e di quello con Anna Mazzamauro, la rassegna, organizzata dal Comune di Racale, con la direzione artistica di Walter Spennato, sociologo e direttore del Kube Spazioletterario di Gallipoli, proseguirà domani nella sala di San Sebastiano del municipio di Racale. Uno dei momenti più attesi è l’incontro con Paolo Crepet, psicologo, che parlerà del suo ultimo libro “A una donna tradita”, un libro che supera i confini di saggio e romanzo per analizzare e osservare il tema del tradimento. E’ il racconto del viaggio dentro se stessa di una donna senza nome, senza tempo e senza luogo che è tante donne, la madre, le amiche, la figlia, tutte le donne che sono in lei. Dopo i saluti di Massimo Basurto, sindaco di Racale e di Tony Pierri, consigliere, interverranno Silvia Famularo e Jules Mastrobisi. Ottima occasione per ammirare anche le opere d’arte di Antonio Stanca messe in esposizione per l’occasione. La rassegna “Primavera di Cultura” si concluderà domenica 19 aprile con la presentazione del libro di Franco Manni “Fiju meu…ma addhu sta sciati?”. Grande soddisfazione per i nomi presenti in cartellone viene espressa da Basurto, lieto di ospitare ancora una volta nel suo Comune personaggi di gran calibro che il pubblico attende con ansia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!