Violenza. Imputato aggredisce quattro agenti

Picchia le guardie carcerarie nei sotterranei del palazzo di giustizia

Mentre i giudici erano in camera di consiglio, in una cella del seminterrato del Tribunale, Sandro Cristofalo ha aggredito le guardie carcerarie, in quattro finiscono al Fazzi

Attimi di paura in Tribunale: Sandro Cristofalo, 33 anni, di San Donato, ieri mattina ha aggredito gli uomini della Penitenziaria, incaricati di accompagnare e sorvegliare i detenuti condotti in Tribunale per assistere al processo di secondo grado dell'operazione “Giaguaro”. Quattro gli agenti di polizia penitenziaria aggrediti: un pugno in faccia al poliziotto penitenziario nell'attesa della sentenza d'Appello. E colpi di manette agli alri tre intervenuti per bloccarlo. Condannati Alessandro Carrozzo ad 8 anni di reclusione, due anni ad Antonio Cucurachi, 8 per Sandro Cristofalo, 10 irrogati a Giuliano Friolo, Luca Spagnolo a 5 anni, mentre Luigi Santoro è stato assolto così come in primo grado. I sette vennero arrestati nell´ambito di un'inchiesta su un traffico di droga, estorsioni e contrabbando gestiti dal grupppo sullle piazze di Lecce e dei comuni limitrofi. A difendere gli imputati gli avvocati Elvia Belmonte, Pasquale Corleto, Enrico Massa, Angelo Pallara e Pantaleo Cannoletta.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!