Cinque dipendenti Asl al mercato. Denunciati

Salgono così a dieci in tutto i lavativi del Poliambulatorio

Cinque dipendenti del distretto sanitario poliambulatoriale di Nardò sono stati denunciati per truffa ai danni del servizio sanitario. Timbravano il cartellino ma poi andavano al mercato. Fotografati dai carabinieri

Altri cinque lavativi denunciati, che portano così a dieci il numero dei dipendenti fanoni della Asl di Nardò. Durante le settimane di indagine i carabinieri hanno appurato che alcuni dipendenti, invece di lavorare, si assentavano e si dedicavano alle faccende private: c’è chi è stato scovato al mercato, altri al supermercato e alcuni, addirittura, tornavano presso la propria abitazione. L'indagine è stata condotta con l'utilizzo di attrezzature fotografiche e video. Era cominciata in febbraio, dopo alcune segnalazioni da parte di cittadini. Così durante le indagini, i dieci dipendenti sono stati sorpresi allontanarsi con costanza strategica dal poliambulatorio ma senza alcuna autorizzazione e per periodi prolungati nel tempo dal loro posto di lavoro, omettendo di dichiarare le assenze ai fini del calcolo complessivo delle ore lavorative e delle retribuzioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!