Lecce. Piani per il sociale nuovi di zecca

Oggi la presentazione nella sala consiliare della provincia

Oggi nella sala consiliare della provincia, famiglie, associazioni, cooperative sociali ed enti no profit dialogheranno con Loredana Capone ed Elena Gentile, assessore provnciale e regionale ai Servizi sociali

A colloquio con i soggetti del terzo settore. Oggi a partire dalle ore 16,30, nella sala consiliare di Palazzo dei Celestini, le famiglie, le associazioni, le cooperative sociali ed gli enti no profit dialogano con l’assessore alla Sicurezza e Qualità sociale e vicepresidente della Provincia di Lecce Loredana Capone e l’assessore regionale alla Solidarietà Sociale Elena Gentile. Al centro della discussione: i nuovi Piani sociali di zona. “Mi sembra utile – dice la vicepresidente Loredana Capone, promotrice dell’incontro – promuovere un incontro provinciale con il mondo del volontariato, della cooperazione sociale e del terzo settore sulla elaborazione del secondo Piano Regionale sulle politiche sociali e sulla conseguente predisposizione dei Piani Sociali di Zona da parte degli Ambiti Territoriali”. “Si tratta di fare il punto su quello che sino ad oggi è stato realizzato come servizi territoriali, alla persona, alle famiglie, alla comunità, puntando al perseguimento di maggiori livelli di qualità del welfare locale, anche attraverso la partecipazione del Terzo Settore nei percorsi di definizione delle politiche sociali”, continua l’assessore alla Sicurezza e Qualità sociale Capone. “Ritengo utile, pertanto, favorire un nuovo percorso di concertazione e di condivisione rispetto al nuovo sistema integrato dei servizi che abbiamo già sperimentato con la legge regionale 19/2006 e con il regolamento regionale 4/2007”. “La finalità – conclude Loredana Capone – è quella di approfondire le tematiche relative allo sviluppo dei rapporti fra “Enti Locali e Terzo Settore”, con particolare riferimento al ruolo e alle funzioni dell’associazionismo, della cooperazione sociale e dei soggetti no profit nel contesto provinciale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!