Cold Fish. Liberi in cinque

Restano in carcere in tre

Cinque degli otto arrestati nell'operazione “Cold Fish” hanno lasciato il carcere nelle scrose ore. Uno di loro è tornato in pieno stat di liberà; gli altri restano sotto l'obbligo di dimora

In cinque lasciano il carcere. Per loro è venuta meno la pesante accusa di associazione finalizzata al traffico di droga come pure il racket dei parcheggi ed i collegamenti con i fatti di sangue che hanno avuto luogo a Gallipoli. Il Tribunale del Riesame ha nuovamente vagliato le posizioni degli otto arrestati in seguito alle richiesta di custodia cautelare del pm Nicola D’Amato; questi in realtà aveva avanzato 24 richieste, otto delle quali accolte. Ma cinque hanno lasciato nelle scorse il carcere: si tratta di Alessandro Vincere, 36enne di Gallipoli. Ritenuto estraneo ad ogni imputazione, Vincere è tornato libero come era prima del blitz. Hanno invece abbandonato il carcere ma restano sottoposti all’obbligo di dimora, non potranno cioè allontanarsi dal proprio Comune di residenza, A.S., 31 anni; Marco Spada, 32 anni, Alessandro Capone, 41 anni. Restano dietro le sbarre di Borgo San Nicola Fabio Della Ducata, 43 anni; Francesco Freddo, 42 anni; Luigi Tricarico, 41 anni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!