Cold Fish. Liberi in cinque

Restano in carcere in tre

Cinque degli otto arrestati nell'operazione “Cold Fish” hanno lasciato il carcere nelle scrose ore. Uno di loro è tornato in pieno stat di liberà; gli altri restano sotto l'obbligo di dimora

In cinque lasciano il carcere. Per loro è venuta meno la pesante accusa di associazione finalizzata al traffico di droga come pure il racket dei parcheggi ed i collegamenti con i fatti di sangue che hanno avuto luogo a Gallipoli. Il Tribunale del Riesame ha nuovamente vagliato le posizioni degli otto arrestati in seguito alle richiesta di custodia cautelare del pm Nicola D’Amato; questi in realtà aveva avanzato 24 richieste, otto delle quali accolte. Ma cinque hanno lasciato nelle scorse il carcere: si tratta di Alessandro Vincere, 36enne di Gallipoli. Ritenuto estraneo ad ogni imputazione, Vincere è tornato libero come era prima del blitz. Hanno invece abbandonato il carcere ma restano sottoposti all’obbligo di dimora, non potranno cioè allontanarsi dal proprio Comune di residenza, A.S., 31 anni; Marco Spada, 32 anni, Alessandro Capone, 41 anni. Restano dietro le sbarre di Borgo San Nicola Fabio Della Ducata, 43 anni; Francesco Freddo, 42 anni; Luigi Tricarico, 41 anni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!