Ferito. Ma chi ha sparato voleva uccidere

Misteri sull'agguato dell'altro ieri a Cutrofiano

E' stato ferito ad un braccio mentre era in macchina, con un colpo di pistola che probabilmente voleva ucciderlo. Gli inquirenti sono al lavoro per chiarire i contorni dell'agguato ai danni di Antonello Cagnazzo, di Cutrofiano

I motivi che possano aver causato quel ferimento da arma da fuoco non sono ancora chiari. Ciò che sembra più che un’ipotesi è che chi l’altro ieri ha sparato ad Antonello Cagnazzo, 46enne di Cutrofiano, ferendolo di striscio ad un braccio, volesse provocargli più che una semplice ferita. Ma non si sa altro, anche perché la vittima dell’agguato non ha fornito alcun particolare ai poliziotti che hanno intrapreso le indagini. Cagnazzo, ferito mentre si trovava a bordo della sua Alfa Romeo spider alla periferia di Cutrofiano, non è un volto sconosciuto alla giustizia. Tutt’altro: condannato il 6 aprile 1993 a dieci anni di reclusione per estorsione ad un’azienda e per porto di arma da fuoco, l’11 settembre 2002 fu protagonista di un inseguimento sui tetti, quando i militari gli consegnarono un ordine di carcerazione (residuo della pena del ’93).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!