Un chilo e due etti di coca. 9 anni di carcere

Ieri la sentenza del gip Maurizio Saso

Fu fermato lo scorso dicembre con un chilo e due etti di cocaina nell'auto. Ieri la condanna. Gli investigatori sono sulle tracce dei suoi complici

Nove anni di reclusione ed una multa di 90mila euro. E’ questa la condanna emessa nei confronti di Giuseppe Pinto, 41enne di Leverano, dal giudice per le indagini preliminari Maurizio Saso al termine del processo con rito abbreviato che ha dunque tenuto conto dello sconto di un terzo della pena. Lo scorso 2 dicembre Pinto fu arrestato dai poliziotti della Squadra mobile del Reparto prevenzione crimine perché sorpreso, sulla superstrada Brindisi-Lecce con un chilogrammo e due etti di cocaina in macchina. Ciò che insospettì i militari fu l’eccessiva velocità con cui l’uomo percorreva la carreggiata. Quando lo fermarono, i poliziotti trovarono, nella sua Bmw X5, oltre alla sostanza stupefacente, anche un cane di piccola taglia che probabilmente serviva a distrarre i cani antidroga. Condotto in carcere la sera stessa, ieri Pinto ha preso parte al processo. Gli investigatori stanno tentando di risalire ai suoi complici.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!