Muore nel crollo di un cantiere

La vittima è un neretino emigrato a Torino per lavoro

E' rimasto sepolto per tre ore sotto terra e detriti in seguito al crollo di una parete nel cantiere dove stava lavorando. E' deceduto per asfissia. E' accaduto a Torino, ma l'operaio era di Nardò

Aveva 50 anni ed era originario di Nardò Vincenzo Romano, l’operaio rimasto vittima di un crollo in un cantiere di Torino. La tragedia si è consumata nel pomeriggio di ieri, attorno alle 16.30. Un collega di Romano, rimasto ai bordi dello scavo,profondo 4 metri e lungo 10, ha assistito alla terribile scena. Una parete è crollata addosso al neretino immobilizzandolo dalla vita in giù. Per diverso tempo il collega ha cercato di metterlo in salvo, tirandolo dalle braccia, ma invano. Ha così pensato di legarlo ad una fune; ma proprio quando si stava allontanando per cercarne una, si è verificato un secondo crollo. Stavolta più consistente del primo. E il salentino è rimasto completamente ricoperto da detriti e terra. L’arrivo del personale del 118 non è riuscito ad evitare il peggio. Ci sono volute ben tre ore per riportare alla luce il corpo del 50enne, che intanto gridava aiuto e chiedeva di fare presto. Ma era ormai privo di vita. Il magistrato di turno, Sabrina Noce, ha disposto il sequestro del cantiere, per accertare se la ditta avesse preso tutte le necessarie misure di sicurezza.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!