Scuole pulite? I più piccoli danno l'esempio

Il successo della manifestazione di sabato

Insegnanti, genitori e sorpattutto ragazzi. Un'intera giornata dedicata all'ambiente. E' stata un successo, sabato scorso, ad Ugento, la manifestazione “Nontiscordardime – Operazione Scuole Pulite”, indetta da Legambiente

Nella giornata di sabato scorso oltre 200 ragazzi della scuola media “Ignazio Silone” di Ugento hanno partecipato all’iniziativa “Nontiscordardime – Operazione Scuole Pulite”, indetta da Legambiente. Gli insegnanti, i genitori e gli studenti per una intera giornata, insieme ai soci di Legambiente dei circoli di Ugento e di Salve, sotto l’attenta guida di Giovanni Ponzetta, docente di Scienze naturali presso la stessa scuola, e fautore del progetto ambiente “Guida ad un consumo sostenibile”, hanno reso vivibili e fruibili a tutti ampi spazi dell’istituto: sono stati imbiancati e ridipinti i muri esterni; raccolte e differenziate diverse tipologie di rifiuti, sconsideratamente gettati negli spazi esterni della scuola; sono stati seminati ortaggi, integrate e sostituite numerose specie di piante della macchia mediterranea, all’interno dell’orto botanico della scuola e piantati numerosi esemplari di alloro nei giardini della scuola. Inoltre, nelle due settimane di preparazione alla giornata, che in tutta Italia è giunta, con grande successo, alla nona edizione, i ragazzi hanno potuto svolgere esercitazioni alla sicurezza in caso di incendi o pericoli vari ed hanno appreso quanto sia necessario dedicare risorse alla sicurezza degli edifici scolastici, sollecitando le istituzioni in tal senso. In un momento delicato della vita sociale di Ugento, le giovani generazioni hanno dimostrato un forte attaccamento alle proprie tradizioni e al proprio territorio, contribuendo con mano al risanamento di un ambiente, come quello della scuola, che vivono tutti i giorni, facendo diventare la stessa un luogo a misura, ed in funzione delle loro esigenze e delle aspettative di Ugento e del suo territorio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!