Luigi Provenzano: ‘Matino, la Ostuni del Salento’

Matino. Il candidato della lista “Matino la Tua Città” annuncia la propria priorità: la situazione occupazionale

Da dove partire, come futuro sindaco, per conquistare la fiducia dei cittadini? “Scelte più importanti con la popolazione, superando l'attuale scetticismo verso la politica e perseguendo la formazione di una classe dirigente preparata, sobria e responsabile che sia presente, sappia ascoltare e sia capace di mettersi in discussione; che faccia da riferimento e sintesi delle energie disponibili. In concreto e per ripristinare il rapporto fiduciario cittadino – P.A., assumo l'impegno di garantire – in relazione alla nota questione della tarsu – equità e giustizia per i cittadini ai quali è stata attribuita, dall'amministrazione uscente la qualifica di ‘contribuente infedele’ in virtù della quale sono stati costretti a versare sanzioni ed interessi non dovuti determinando una profonda frattura”. Qual è la vocazione economica di Matino e in che modo intende valorizzarla? “La vocazione agricola, manifatturiera e agro – turistica deve trovare nuovi sbocchi per consentire di rimettere in moto l' economia del paese. Fondamentale importanza dovrà assumere il recupero del centro storico che consentirà di agevolare l'insediamento di attività commerciali e turistiche così da poter proporre l'immagine di Matino come la “Ostuni del Salento”; parimenti andrà concretizzato il progetto di recupero “Matino sotterranea”, necessario soprattutto per destagionalizzare l'attività ricettiva. Anche l' approvazione del nuovo PPA appare prioritaria quale volano per il settore edilizio, poiché detta iniziativa permetterà di regolamentare l'edificazione nelle zone rurali, contemporaneamente favorendo la tutela del territorio e costituendo un incentivo all' attività economica”. Qual è oggi l’emergenza per il Comune di Matino? Come la affronterà se sarà lei il prossimo sindaco? “L'emergenza è innanzitutto la precaria situazione occupazionale che deve, pertanto, trovare spazio prioritario nel'agenda politica, dato l'impatto immediato sul tessuto sociale che la caratterizza, sia in relazione alla qualità della vita della cittadinanza, che per le ripercussioni sull'ordine e la sicurezza che comporta. In quest'ottica, iniziative immediate e tangibili quali la gestione dei servizi cimiteriali e la manutenzione stradale in affidamento a cooperative di giovani disoccupati possono fornire un rapido riscontro e creare un modello virtuoso di azione della p.a. esportabile in altri settori”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!