Mille firme per De Masi

Candidatura bocciata da Pierfelice Zazzera e Francesco D’Agata, coordinatori regionale e provinciale dell’Italia dei valori

Il Comitato spontaneo a sostegno della candidatura di Ivan De Masi, che si è costituito il giorno dopo il suo abbandono della corsa per Palazzo dei Domenicani, ha raccolto mille firme per convincerlo a rivedere la sua posizione. Ma il presidente della Virtus non si pronuncia

“Se mi candiderò? Vedremo”. Ivan De Masi non rilascia dichiarazioni e attende gli sviluppi della situazione dopo la scelta del Partito Democratico di proporre agli alleati Claudio Casciaro. Il presidente della locale squadra di calcio si consola con un’iniziativa clamorosa: il “Comitato spontaneo a sostegno della candidatura di Ivan De Masi”. Nato quasi per caso dopo il suo ufficiale abbandono della corsa per Palazzo dei Domenicani, il 6 febbraio scorso, il comitato si è fatto promotore di una petizione che ha raccolto quasi mille firme. “Abbiamo deciso di chiederti ufficialmente di tornare sui tuoi passi – legge nella lettera che ha accompagnato la raccolta di firme – di rivalutare la tua candidatura senza correre con alcun partito, correndo solo per amore e per conto di questa straordinaria città che amiamo ed ameremo per sempre”. Le forze politiche, soprattutto il Pd, ora temono proprio una possibile coalizione alternativa che nasce intorno a De Masi, fuori da ogni schema partitico e che potrebbe mettere in difficoltà il centro-sinistra, più di tutti. Tra l’altro, ieri le segreterie locali di Verdi, Italia dei Valori e Socialisti Democratici confermavano che avrebbero risposto negativamente alla proposta del Pd e che quindi si potrebbe prospettare una clamorosa spaccatura nella coalizione di centro-sinistra. A meno che non dovessero intervenire i rispettivi vertici provinciali o regionali, come ha fatto il movimento dipietrista. Una nota congiunta dell'on. Pierfelice Zazzera (coordinatore regionale Idv) e di Francesco D'Agata (coordinatore provinciale) ha bocciato in maniera inappellabile una candidatura di De Masi. Anche nella cosiddetta Costituente di Centro, che ha avviato le consultazioni con il centro-sinistra, non si sono ancora chiarite le posizioni. Detto dell’Udc, l’Udeur locale è decisamente pro Casciaro, ma il partito sta per passare nel PdL e allora la posizione del referente cittadino diventa aleatoria. Quanto al movimento “Venti di Libertà”, la terza componente del centro, probabilmente si accoderà alla decisione del Pd.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!