L’economia di Porto Cesareo in una Consulta

Nuove strategie per le attività economiche, produttive e commerciali

Il progetto si chiama “Porto Cesareo e Marine”; nei giorni scorsi ha avviato a pieno regime le attività della “Consulta per le attività economiche, produttive e commerciali”. Luci puntate sul turismo dell’imminente stagione estiva

Obiettivo: risollevarsi dalla crisi economica. Le attività in tal senso, a Porto Cesareo procedono senza soste. Nei giorni scorsi infatti il progetto civico “Porto Cesareo e Marine” a cui fanno riferimento tutti i consiglieri di maggioranza, ha avviato a pieno regime le attività della “Consulta per le attività economiche, produttive e commerciali”. Si tratta di un organismo consultivo e propositivo fortemente voluto anche dalle categorie socio-economiche presenti ed operanti sul territorio. Essa risulta composta da Celestino De Gabrieli, Cristian Cagnazzo già presidente della locale associazione commercianti, Sergio Peluso, Antonio Mimosa, Alessandro Caputo, Salvatore Greco, Roberto D'Andria, Liliana Salvaterra, Raffaele Sambati ed Ivan Giaccari. “E’ indispensabile – ha sottolineato Foscarini, sindaco della città – coinvolgere tutti coloro i quali nei vari settori di competenza hanno dimostrato di avere a cuore ed impegnarsi attivamente per lo sviluppo economico sociale e culturale di Porto Cesareo. Colgo l’occasione per ringraziare pubblicamente l’infaticabile opera di elevato spessore politico-amministrativo compiuta dal presidente del consiglio comunale Eugenio Sambati, vera fucina di idee e di buoni propositi in questa mia amministrazione”. Nel corso della prima seduta è stato lo stesso primo cittadino a sollecitare la Consulta a dare un proficuo impulso e proporre programmazioni sinergiche all’amministrazione comunale, attività che attraverso validi e efficaci suggerimenti possano essere in grado di stimolare in un periodo difficile di crisi globale ed in previsione dell'imminente stagione estiva, l'attività dell'ente e degli esercizi pubblici incentivando i consumi sul territorio.

Leave a Comment