La Provincia chiude la Copersalento

Le dichiarazioni di Gianni Scognamillo, assessore provinciale all’Ambiente

Valori ancora superiori a quelli consentiti. Le analisi degli ultimi giorni non sono migliori rispetto a quelle del luglio scorso. Con un procedimento firmato venerdì, Palazzo dei Celestini ha chiuso l’impianto di Maglie

Con un provvedimento firmato venerdì da Dario Corsini, dirigente del Servizio Rifiuti della Provincia, l’Ente di Palazzo dei Celestini ha provveduto alla chiusura, con decorrenza immediata, dell’impianto della Copersalento. Nel luglio scorso l’Arpa aveva riscontrato che la tossicità delle diossine prodotte era 420 volte superiore al limite. Da quel momento la Provincia aveva vietato alla Copersalento la prosecuzione dell’attività con l’utilizzo del cdr (combustibile da rifiuto); l’azienda si era impegnata all’utilizzo esclusivo di cippato di legno vergine e in parte di nocciolino di sansa. Nonostante ciò, dopo successive analisi richieste dalla Provincia, il valore accertato dall’Arpa, relativo alla presenza delle diossine nell’aria, in questi giorni era otto volte superiore a quello massimo previsto per legge. “Abbiamo sempre vigilato e siamo stati in prima linea al fine di tutelare la comunità salentina – ha dichiarato Gianni Scognamillo, assessore provinciale all’Ambiente -. Purtroppo con oggi trovano conferma i dati riscontrati già a luglio scorso. Tante sono state le difficoltà in tutti questi mesi nel fare le verifiche necessarie sull’impianto. Grave è la responsabilità dell’azienda nel non aver attivato nessuna iniziativa concreta per mettere a norma l’impianto”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!