Nasce a Lecce la Casa delle Donne

Il progetto della Libera Federazione delle Donne del Salento accolto dalla Provincia di Lecce

La Casa delle Donne è un progetto della Libera Federazione delle Donne del Salento accolto dalla Provincia di Lecce. La sede sarà l’ex liceo musicale “Tito Schipa”. In programma un concorso di idee per l’assegnazione del logo della struttura

A Lecce nasce la Casa delle Donne. Un progetto cresciuto e portato avanti con determinazione e successo da una rete di donne native e migranti del Salento, la Libera Federazione delle Donne, formata da otto associazioni al femminile. Questo il tema della Conferenza stampa tenutasi ieri alle ore 12 presso la sede assegnata al Progetto dalla Provincia di Lecce: l’ex Liceo Musicale “Tito Schipa”, in viale dell’Università a Lecce. Vi hanno partecipato: Giovanni Pellegrino, il Presidente della Provincia di Lecce e le rappresentanti della Libera Federazione delle Donne. La Casa delle Donne di Lecce è un luogo dove le donne del Salento potranno incontrarsi, progettare, riflettere, divertirsi, condividere e crescere insieme. L’obiettivo fondamentale è creare le condizioni per accrescere l’autodeterminazione e la libertà di tutte le donne, indipendentemente dal loro orientamento sessuale, dalla loro etnia, dalla loro religione, dal loro orientamento politico, dalla loro classe sociale, dal loro livello culturale e sarà aperta a tutte coloro che vorranno fruire delle attività e dei servizi offerti. Durante la Conferenza stampa sono state illustrate le linee programmatiche del progetto Casa delle Donne, in particolare per quanto riguarda le attività e l’utilizzo dello spazio, e, un Concorso di idee, rivolto alle donne che operano nel mondo della grafica e dell’arte, per l’ideazione del logo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!