Un gemellaggio nel segno di San Gregorio Armeno

Nardò e la città armena di Gyumri firmano un accordo

Siglato a Roma un accordo nel segno di San Gregorio Armeno tra Nardò e la città armena di Gyumri

E’ stato siglato presso l’Hotel Plaza di Roma, in occasione della visita in Italia del ministro Arthur Baghdasarian, Segretario del Consiglio di Sicurezza Nazionale dell’Armenia, un Memorandum di gemellaggio tra la città di Nardò e la città armena di Gyumri, la seconda città della nazione dopo la capitale. L’iniziativa si inquadra nei contatti attivati dall’Amministrazione Comunale di Nardò sotto il comune sentimento religioso di condivisione del culto di San Gregorio l’Illuminatore, protettore di Nardò e dell’intera Armenia. All’incontro, svoltosi su invito dell’incaricato d’affari Tigran Samvelian, che aveva preso parte nei giorni scorsi ai festeggiamenti in onore di San Gregorio, ha partecipato una delegazione composta dal sindaco Antonio Vaglio, dal vice-sindaco Giancarlo De Pascalis, delegato alle relazioni internazionali e dall’ass. ai gemellaggi Antonio Cavallo e numerosi esponenti della comunità armena romana. Il sindaco Vaglio ha sottolineato come “gli avviati rapporti con la comunità armena, si siano rafforzati in occasione della recente visita a Nardò della delegazione diplomatica ed abbiano avuto una risonanza tale presso le comunità armene sparse nel mondo, da consolidare le relazioni già avviate. Da ciò è scaturita la sottoscrizione, davanti alla quarta carica dello stato, Arthur Baghdasarian, Segretario del Consiglio di Sicurezza Nazionale, di un memorandum di intesa con Gagik Manoukian, vice-sindaco della città di Gyumri, città di grandi tradizioni storiche e culturali, per intessere una duratura collaborazione in campo culturale, turistico e religioso tra le due comunità sotto l’egida di San Gregorio Armeno”. “Fiero ed entusiasta di questo importante accordo” è l’ambasciatore Tigran Samvelian, grazie al quale è stato possibile imprimere un decisivo input alla concretizzazione dell’intesa, già avviata lo scorso anno. “Manifesto pubblicamente il mio orgoglio per aver partecipato di persona ai festeggiamenti in onore di San Gregorio e per essere stato considerato “uno di voi” – ha aggiunto l’ambasciatore Samvelian rivolgendosi a tutti i presenti e particolarmente al sindaco Vaglio “e vi prego di testimoniare ai vostri cittadini i sentimenti più profondi della mia riconoscenza e stima per la vostra adorazione nei confronti del santo patrono, al fine di dare un valore sempre crescente ad un santo che da secoli ci accomuna e per informare l’intero popolo armeno di questa bellissima realtà esistente a Nardò”. Al termine dell’incontro la delegazione armena ha donato alla città di Nardò una riproduzione di un antico manoscritto armeno della Bibbia; gli amministratori neritini hanno offerto dei testi relativi alla storia ed alla cultura di Nardò e la cravatta ufficiale della festa, che era stata promessa dal presidente Pantaleo Ferilli e da tutto il comitato organizzatore. L’accordo sottoscritto assume una valenza ancora maggiore alla luce del fatto che il colloquio con Arthur Baghdasarian si è svolto, sotto gli obiettivi delle televisioni di stato e di testate giornalistiche armene, in un quadro di incontri che la delegazione armena, durante la sua permanenza a Roma, ha avuto con i vertici del Governo italiano tra cui il sottosegretario della Difesa Giuseppe Cossiga, il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Gianni Letta, l'On. Pierferdinando Casini, il Ministro alla Pubblica Amministrazione e Innovazione Renato Brunetta e il Ministro degli Interni, Roberto Maroni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!