E' on line il nuovo e-book gratuito di Manni

Si intitola “Di fabbrica si muore”. La storia di Nicola Lovecchio morto di tumore al petrolchimico di Manfredonia. Purtroppo una storia come tante altre

E' già gratuitamente scaricabile dal sito di Manni Editori (www.mannieditori.it) il nuovo e-book “Di fabbrica si muore”. Per iniziare questo nuovo 2010, la casa editrice salentina ha scelto il teatro civile e l’inchiesta, rendendo gratuitamente scaricabile un volume particolare di cui si è molto parlato in Puglia e non solo: Alessandro Langiu – Maurizio Portaluri Di fabbrica si muore La storia come tante di Nicola Lovecchio morto di tumore al petrolchimico di Manfredonia Nel 1994, Nicola Lovecchio, operaio del petrolchimico di Manfredonia, scopre di avere un tumore ai polmoni. Insieme al medico Maurizio Portaluri, avvia un’indagine anche tra i suoi colleghi denunciando la fabbrica per l’incidente che nel 1976, qualche mese dopo il disastro di Seveso, provocò la fuoriuscita di decine di tonnellate di arsenico. La ricostruzione delle vicende è trascritta, con passione e ragione, da Portaluri. Accanto, la pièce teatrale Anagrafe Lovecchio, di Alessandro Langiu, è poesia di denuncia civile che coinvolge ed emoziona. Gli autori: Alessandro Langiu è nato a Taranto nel 1973. Autore, attore e regista di teatro, si occupa di tematiche sociali e ambientali. Tra i suoi ultimi lavori, Otto mesi in residence e Venticinquemila granelli di sabbia. Maurizio Portaluri è nato a Brindisi nel 1960. È medico oncologo radioterapista. Dal 1999 è primario all’ospedale Perrino di Brindisi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!