Nelle domeniche di marzo e aprile si fa shopping

Gli esercizi sono aperti tutti i giorni della settimana

Gli esercizi saranno aperti tutti i giorni della settimana. Le domeniche di marzo e aprile potranno essere dedite allo shopping. Paolo Perrone ha firmato l’ordinanza

Paolo Perrone ha firmato l’ordinanza (n. 164) con la quale autorizza l’esercizio delle attività di vendita nelle domeniche 1, 8, 15 e 22 marzo 2009, nonché nelle domeniche e festività 13, 19 e 26 aprile 2009, esclusivamente agli esercizi commerciali di vendita al dettaglio di vicinato (con superficie di vendita sino a 250 metri quadri) su aree private con sede fissa, su tutto il territorio comunale. Gli esercizi possono restare aperti al pubblico dalle ore 07:00 alle ore 22:00 e nel rispetto di tali limiti l’esercente può liberamente determinare l’orario di apertura e chiusura non superando comunque il limite delle 13 ore giornaliere. Com’è noto, la Legge Regionale n. 11/03 dispone la chiusura domenicale e festiva degli esercizi, salva la possibilità per i Comuni a economia prevalentemente turistica e per le città d’arte di derogare a tale obbligo. Infatti, con ordinanza sindacale (n. 971 del 28 ottobre scorso) sono state autorizzate le aperture domenicali festive e con ordinanza successiva (n. 49 del 15 gennaio) è stato fissato il calendario delle aperture per i mesi di gennaio e febbraio. Le peculiarità della città di Lecce e l’incremento dei flussi turistici anche nei mesi invernali, infatti, hanno aumentato negli ultimi anni la domanda nel settore in questione, che, peraltro, vive un periodo di crisi generalizzata per la quale l’amministrazione comunale è tenuta ad assumere iniziative idonee al rilancio del settore stesso. Inoltre, si tratta di provvedimenti frutto della concertazione preventiva tra amministrazione comunale (svolta dall’Assessorato e dal vicepresidente del Consiglio comunale Antonio Lamosa) e le associazioni delle imprese del commercio, le organizzazioni sindacali dei lavoratori e le rappresentanze dei consumatori. “E’ evidente che non possiamo mettere d’accordo tutti – evidenzia l’assessore allo Sviluppo Economico, Attività Produttive, Innovazione, Marketing Territoriale e Patrimonio Attilio Monosi – ma le esigenze della nostra città ci inducono decisamente nella direzione di derogare all’obbligo di chiusura. Peraltro, “Il Sole 24 Ore” ha pubblicato nei giorni scorsi una interessante inchiesta sui benefici delle aperture domenicali ed in particolare sul fatto che lo shopping domenicale aiuta il Pil a crescere dello 0,5%. I negozi aperti la domenica favoriscono lo shopping e, soprattutto, rafforzerebbero un Pil destinato a soffrire parecchio quest’anno. Le analisi effettuate da associazioni specifiche del settore del commercio, che riunisce le grandi catene commerciali, sottolineano che se gli italiani potessero effettuare sempre la spesa la domenica o nei giorni festivi ci sarebbe un beneficio notevole sui consumi delle famiglie e sulla marcia dell’azienda Italia. Gli acquisti aumenterebbero del 2% almeno e, soprattutto, il Pil potrebbe beneficiare di un effetto positivo valutabile in almeno mezzo punto percentuale. Un vantaggio molto consistente nel tormentato scenario economico del 2009.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!