Inchiesta in Accademia. Le richieste del pm

Il 25 maggio sarà emessa la sentenza

Avrebbero commesso i reati di abuso di ufficio e soppressione degli atti per favorire un candidato nel concorso per l'assegnazione della cattedra di Storia della musica e del teatro musicale. Niente attenuanti da parte del pm per gli indagati

Un anno e mezzo di reclusione per Giacinto Leone, 60 anni, di Lecce, direttore dell’Accademia di Belle arti. Un anno e due mesi per tutti gli altri: Giuseppe Rizzo, 68 anni, di Copertino; Anna Maria Lifonso, 51 anni, di Lecce; Enrico Piccinni Leopardi, 55 anni, di Lecce; Antonietta Pierno, 46 anni, di Alberobello. Sono state queste, oltre all’interdizione per cinque anni dagli uffici pubblici, le richieste di condanna avanzate dal pm Giovanni Gagliotta per i cinque docenti dell’Accademia di Belle Arti di Lecce finiti sotto processo con l’accusa di aver favorito un candidato per la cattedra di Storia della musica e del teatro musicale. Gagliotta ha precisato di non aver concesso le attenuanti generiche per la gravità del comportamento degli indagati che avrebbero contribuito a diffondere tra i giovani la convinzione che vadano avanti solo i “raccomandati”. Nel processo di ieri hanno anche avuto inizio le repliche degli avvocati difensori, che continueranno il prossimo 25 maggio. Nella stessa giornata è prevista la sentenza. Le ipotesi di reato contestate sono quelle di abuso di ufficio e soppressione degli atti. Stando alle ricostruzioni del pm, gli indagati avrebbero compiuto delle irregolarità già nella nomina della commissione incaricata di selezionare i candidati per l’affidamento della cattedra; tutti i documenti verbalizzanti i criteri di scelta e di valutazione sarebbero inoltre stati fatti sparire, allo scopo di favorire un candidato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!