A Nardò nascerà l'area mercatale

L'approvazione del Consiglio Comunale

L'area mercatale nascerà. Approvata dal Consiglio comunale la delibera per la realizzazione da parte della società Aligros

Approvata dal Consiglio comunale la delibera per la realizzazione da parte della società Aligros dell’area mercatale che dovrà nascere nei pressi del complesso edilizio sorto oltre vent'anni fa per ospitare un gerontocomio. Su proposta dell’assessore all’Urbanistica e Ambiente, Mino Natalizio, infatti, il Consiglio comunale ha accolto l’istanza che prevede la cessione di alcune aree da parte del Comune, in diritto di superficie, che erano già destinate a parcheggio pubblico e situate intorno al complesso in fase di realizzazione da parte della società Aligros. Resta fermo il vincolo di destinazione a parcheggio pertinenziale a servizio delle unità immobiliari della struttura in corso di ultimazione. Come contropartita, il gruppo imprenditoriale ha proposto, oltre alla realizzazione -nelle immediate vicinanze – di un parcheggio pubblico di pari dimensioni, anche la sistemazione ad area mercatale di ulteriori aree pubbliche, situate all’interno dello stesso gerontocomio e nella vicina zona 167. Il valore stimato dell’intervento è di circa 700.000 euro, di cui 200.000 da scomputarsi in conto di oneri di urbanizzazione. “Finalmente – ha dichiarato il sindaco Antonio Vaglio – il Consiglio si è determinato su di uno dei punti fondamentali del programma elettorale che, tra l’altro, era stato affrontato da diverse amministrazioni precedenti senza mai essere risolto”. “Al di là delle strumentalizzazioni che probabilmente non mancheranno – ha dichiarato l’assessore Natalizio – nel giro di pochi mesi è stato definitivamente risolto un annoso problema. Tra poco tempo, la zona residenziale potrà tornare a nuova vita, sgomberata del mercato settimanale e gran parte della zona 167, attraverso i Pirp, godrà di una nuova rigenerazione urbana”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!