La droga? In frigo, nei dadi del brodo

Dodici le dosi di eroina

I Carabinieri della Stazione di Presicce hanno arrestato Fabio Ponzo, un 44enne del posto già gravato da precedenti di polizia, per detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti

Erano dodici le dosi di eroina. Le hanno trovate i carabinieri della stazione di Presicce a casa di Fabio Ponzo, un 44enne del posto, già gravato da precedenti di polizia, per detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti. All’arrivo dei carabinieri l’uomo ha tentato di disfarsi della droga gettando nel water una parte dell’eroina che aveva a portata di mano ma riuscendovi sono solo in parte: è stato infatti bloccato dai militari, che gli hanno così impedito di far sparire tutto lo stupefacente, sequestrandogli due dosi già confezionate. Il prosieguo della perquisizione ha permesso di rinvenire un bilancino di precisione nascosto all’interno della camera da letto dell’arrestato mentre, nei cassetti dei vari mobili di tutta l’abitazione, era ordinatamente riposto tutto il materiale occorrente per confezionare le singole dosi. La vera sorpresa, però, sia per i militari operanti che non si aspettavano un simile nascondiglio, che per lo stesso Ponzo, il quale mai immaginava che i carabinieri sarebbero arrivati a trovare la droga, si è avuta quando, durante la perquisizione della cucina, sono state trovate nascoste nel frigorifero, abilmente camuffate all’interno di una confezione di dadi alimentari, altre dieci dosi di eroina perfettamente sigillate e pronte per essere cedute ai clienti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!