Un sostegno al turismo salentino

Per risolvere i problemi causati dall’erosione degli arenili, che rischiano di compromettere la prossima stagione turistico/balneare

Alfredo Prete, presidente dell’Ente camerale salentino, ha convocato per il 27 febbraio un tavolo di confronto per analizzare e proporre le opportune soluzioni ai problemi causati dall’erosione degli arenili, che rischiano di compromettere la prossima stagione turistico/balneare

Si terrà venerdì 27 febbraio presso la sala del consiglio della Camera di Commercio di Lecce il tavolo di confronto convocato da Alfredo Prete, presidente dell’Ente camerale salentino, per analizzare e proporre le opportune soluzioni ai problemi causati dall’erosione degli arenili, che rischiano di compromettere la prossima stagione turistico/balneare. All’incontro sarà presente anche Onofrio Introna, assessore ai Lavori Pubblici della Regione Puglia, che si è dimostrato sensibile alle problematiche sottoposte dagli assessori provinciali Gianni Scognamillo e Maria Rosaria Manieri. Al tavolo parteciperanno inoltre i sindaci dei comuni costieri della provincia di Lecce, il comandante del Corpo Forestale dello Stato, il comandante della Capitaneria di Porto di Gallipoli e le associazioni di categoria del comporto turistico. “L’incontro mira a trovare da subito delle soluzioni utili ad affrontare la delicata situazione, in modo da garantire il regolare svolgimento della prossima stagione balneare – ha dichiarato Prete – Il turismo balneare rappresenta, qui nel Salento, il settore più importante del comparto turistico: quindi dobbiamo muoversi all’unisono per dar vita ad una strategia che permetta a tutti di non vedere vanificati gli importanti investimenti effettuati. Oggi non sono solo a rischio erosione gli arenili ma anche i cordoni dunali e le falesie rocciose: la situazione ambientale è critica e bisogna fare presto. Ecco perché auspico che da subito vengano trovate delle soluzioni operative che non richiedano le solite lungaggini burocratiche”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!