Finanziere si spara alla testa. Mistero

La vittima abitava con la moglie e il figlio a Giorgilorio e lavorava a Lecce

Suicidio a San Cataldo di un appuntato delle fiamme gialle.E' mistero.

Un suicidio avvolto dal mistero. La chiave forse nella memoria di un telefono cellulare. Gli investigatori, coordinati dai dirigenti Giorgio Oliva e Annino Gargano, ieri sera hanno eseguito una serie di perquisizioni per venire a capo del movente che ha portato l'appuntato finanziere, I.G. di 43 anni, originario della Sicilia, a suicidarsi lasciando così la moglie, originaria di Surbo, e il figlio. L'uomo è stato ritrovato avvolto in una maschera di sangue, ieri pomeriggio intorno alle cinque e mezzo, disteso sul sedile del conducente di una Renault Twingo, parcheggiata a San Cataldo nella piazza dell'ostello della gioventù. Nella sua mano è stata ritrovata la pistola con la quale ha esploso il colpo mortale alla nuca. Mancava da casa dalla mattina, avrebbe dovuto prestare servizio da mezzogiorno alle sei di sera come piantone presso la Caserma della Guardia di Finanza di Lecce. Ma perchè l'appuntato si sarebbe ammazzato? La risposta, forse, potrebbe arrivare dall'esame di un perito esperto di telefoni cellulari e di informatica, per cercare ciò che I.G. non avrebbe lasciato su carta. Un sms dal contenuto non precisato, ha fatto dare il via agli accertamenti sulla memoria del telefono cellulare e su quella del computer. Oggi, intanto, il magistrato darà incarico al medico legale per far svolgere l'autopsia sul corpo del suicida.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!