L' annuario della cultura salentina

A cura della redazione di Coolclub.it , distribuito in edicola con qui Salento

Mercoledì 4 febbraio Libreria Idrusa di Alessano e Cooperativa Coolclub presentano una serata dedicata all'Adc2008. Il programma prenderà il via alle 19.30 presso la Libreria con la presentazione dell'annuario della cultura salentina a cura della redazione di Coolclub.it (distribuito in edicola con qui Salento). A seguire dalle 21.30 presso il Circolo San Franciscu di Alessano (Le) spazio al live di Tobia Lamare & The Sellers

L'ADC 2008, diretto da Osvaldo Piliego, coordinato da Pierpaolo Lala, Dario Quarta e Antonietta Rosato, ospita il meglio della cultura del Salento raccontata dai giornalisti di numerose testate pugliesi. Cento pagine a colori per raccontare un anno di produzione nella provincia di Lecce con uno sguardo attento alle migliori espressioni di Brindisi e Taranto attraverso interviste, recensioni, curiosità, racconti. Musica, letteratura, cinema, teatro, danza, arte per dipingere un quadro quanto più complesso possibile di un territorio in continuo movimento. “Il nostro territorio fa parlare di sé. Un po' più in là del Salento che va di moda ne esiste un altro che come un novello pirata naviga nel mare della rete e conquista i grandi porti. Ne è un esempio lampante Il Genio, progetto musicale nato per gioco che, grazie al tam tam di internet, oggi è ovunque: in televisione, sui giornali, alla radio, nei negozi, in casa di migliaia di persone e soprattutto in casa di una major discografica come Universal”, sottolinea nell'editoriale il direttore Osvaldo Piliego. “Lo stesso web che ha fatto nascere un disco bellissimo, quello del salentino Populous e del newyorkese Short Stories e che rende questo sud luogo “così lontano e così vicino”. Ancora musica che va lontana è il pop dei Superpartner che arriva fino in Giappone, Congorock che riempie le discoteche d'Europa e d'America, e quella nazional popolare dei Negramaro, unica band della storia capace di riempire lo stadio di San Siro a Milano”. Nella sezione libri l'apertura è dedicata allo scrittore di Salice Salentino Nino G. D'Attis che ha pubblicato Mostri per le masse, suo secondo romanzo sempre per Marsilio, editrice anche del conterraneo Livio Romano. Spazio anche a Omar Di Monopoli, Mario Desiati, Cosimo Argentina, Tony Sozzo, Luisa Ruggio, Armando Tango e molti altri. Tra i film ampio spazio a Donatella Finocchiaro e Claudio Santamaria, protagonisti rispettivamente dei Galantuomini di Edoardo Winspeare e Fine Pena Mai di Davide Barletti e Lorenzo Conte. Nel cinema vengono segnalate numerose produzioni indipendenti che hanno animato il 2008 e si traccia un primo bilancio del lavoro svolto dall'Apulia film commission. Nel teatro l'annuario ha voluto raccontare le nuove esperienze nate in questi ultimi anni (Principio Attivo, Induma, Asfalto) che affiancano le realtà storiche del territorio (Astragali, Koreja). Due le novità principali di questa seconda edizione. Lo spazio, ancora piccolo, dato alla danza e all'arte. Infine oltre alle produzioni, ogni sezione si conclude, infatti, con un calendario degli eventi più significativi che hanno caratterizzato il 2008. Il nuovo progetto di Tobia Lamare, leader degli Psycho Sun, è fatto di ballate acustiche che uniscono il folk di Neil Young alle asprezze dei Violent Femmes. Una manciata di canzoni che compongono un album dal titolo The party (in uscita nel 2009). The party è un concept album, ogni canzone è una storia che si collega a un'altra e racconta una festa e le vite di chi la popola. Tobia Lamare mette da parte la chitarra elettrica e imbraccia la sua acustica per omaggiare, con i suoi nuovi brani, la musica che da sempre ha amato (Bob Dylan, Elvis, il blues, il country, gli Eagles). Insieme a lui i The Sellers Marco Santoro Verri al basso, Alfonso Cannoletta alla chitarra e Osvaldo Piliego alla batteria. Un progetto nato in campagna e ispirato, nel suono, dagli spazi aperti, i camini, l'autunno fatto di amici e tanti cani.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment