Video hard in classe: cinque studenti a rischio processo

I minori girarono il filmato all’Alberghiero di Nardò e poi lo misero in rete

Indagini preliminari chiuse per i cinque minori investigati per atti osceni in luogo pubblico. Sono stati inguaiati da un video sul web con le immagini girate a scuola. Ora hanno venti giorni di tempo per predisporre le difese

Chiusura delle indagini preliminari per i cinque studenti, tutti minorenni, indagati per il reato di atti osceni in luogo pubblico. I fatti risalgono all’aprile dell’anno scorso: uno dei cinque studenti avvicinò un preservativo alla bocca, mimando, allo stesso tempo, atti sessuali con altri tre compagni. Le ragazze si allontanarono, mentre un quinto compagno riprendeva tutto con il telefonino. Il video è poi stato inserito su youtube, diventando in poco tempo uno dei filmati più visti sulla rete. Di loro si parla nell’avviso di conclusione delle indagini a firma del pubblico ministero della Procura per i minorenni, Simona Filoni, notificato nei giorni scorsi dai poliziotti del Commissariato di Nardò che hanno svolto gli accertamenti con il magistrato. Ora gli indagati hanno venti giorni per presentare memorie, produrre documenti, depositare documentazione o presentarsi per rilasciare dichiarazioni ed essere così sottoposto ad interrogatorio. I cinque indagati sono assistiti dagli avvocati Silvio Verri, Tiziana Petrachi, Aldo Manca e Luca Romano. Per il pm Tiziana Filoni, risulta particolarmente grave che il video sia stato girato in classe davanti ad un’insegnante completamente ignara su quanto stava accadendo. La gang, superata l’età minima per essere penalmente punita, rischia ora il processo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!