Al Paisiello è la volta di Puccini

Arie, duetti e brani strumentali tratti dalle opere pucciniane portate in scena da Sandro Cappelletto ed Elio Pandolfi in Ho dovuto ucciderle quasi tutte

Dopo il debutto da “tutto esaurito” con Casa di Bambola, il cartellone della stagione di prosa 2009 del Teatro Paisiello (organizzata dal Comune di Lecce in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese e diretta da Carla Guido) propone Ho dovuto ucciderle quasi tutte (Giacomo Puccini racconta le sue dive)

Uno spettacolo (portato in scena da Associazione Scenastudio) con arie, duetti e brani strumentali tratti da Edgar, La Bohème, Tosca, Manon Lescaut, Madama Butterfly, Suor Angelica e Turandot. Sul palco Michela Sburlati (soprano), Zvetan Michailov (tenore), Elio Pandolfi (voce recitante), Sandro Cappelletto (voce narrante), e Marco Scolastra (pianoforte). L’appuntamento è sabato 24 gennaio alle ore 21:00. Da La Bohème a Turandot, da Mimì a Liù. Le sue vittime, implacabilmente eliminate dal maestro Giacomo Puccini. Ogni volta il delitto ha moventi, circostanze, luoghi diversi. Ma gli riusciva sempre benissimo: è stato davvero un ineguagliato serial-killer di soprani. Parlando al suo pubblico, però, oggi, a noi, sempre suoi contemporanei, Puccini racconta, ricorda, si commuove, scherza, in prima persona. In scena un pianoforte, due cantanti, un attore e un narratore. La sua musica, le sue scene madri, la lettura dei versi dei suoi libretti, che ne rivela acutezze letterarie e perfetta funzionalità teatrale. E lui, un reo confesso, assolto per genio. Il prezzo del biglietto per il singolo spettacolo è di 20 euro per la platea, 15 euro per il palco (riduzione palco 10 euro) e 7,50 per il loggione. Non è più possibile sottoscrivere abbonamenti (per esaurimento della disponibilità). La tessera di abbonamento non è personale e dovrà essere esibita quale titolo d’ingresso al personale di sala. Il turno in abbonamento è il primo giorno di recita previsto dal programma. Le riduzioni per i biglietti saranno concesse esclusivamente per i palchi, ai ragazzi fino a 18 anni, agli studenti universitari ed alle persone di oltre 65 anni, ai possessori della Carta dello Studente “IoStudio” e dell’Agiscard (Basic e Famiglia). I documenti attestanti il diritto alla riduzione dovranno essere esibiti all’atto della prenotazione e, a richiesta, al personale di sala. La prevendita dei biglietti si tiene presso il Castello Carlo V (via XXV Luglio – tel. 0832 246517) tutti i giorni dalle ore 09:30 alle ore 13:00 e dalle ore 16:30 alle ore 20:00. Il giorno della rappresentazione la chiusura della prevendita sarà alle ore 19:00. Il botteghino del Teatro Paisiello sarà aperto la sera di ogni spettacolo a partire dalle ore 19:30. Ingresso a partire dalle ore 20:30, sipario ore 21:00. Altre informazioni possono essere richieste ai numeri 0832 253791 e 800 215259 e sul sito www.comune.lecce.it.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!