Anci a Roma per incontrare il governo

Mobilitazione Anci. Tutti a Roma il 27 novembre

Unioni dei Comuni e Comuni associati fanno sentire la propria voce al governo e alle istituzioni nazionali sugli aspetti ordinamentali e finanziari che li riguardano. Anche dal Salento, partirà una delegazione guidata da Antonio Lia

Per il prossimo lunedì 27 novembre, l'ANCI Nazionale ha promosso a Roma una mobilitazione delle Unioni di Comuni italiane. Presidenti e amministratori delle Unioni e sindaci dei Comuni associati, si incontreranno presso la sede dell’Associazione in via Dei Prefetti, alle ore 10.30, per sensibilizzare il governo nazionale e tutte le istituzioni, sulle questioni aperte che riguardano gli aspetti ordinamentali e finanziari delle Unioni. In particolare, il dibattito su alcuni passaggi della finanziaria e quello sulla prossima stesura del Codice delle Autonomie, rappresentano due aspetti cruciali che vanno opportunamente affrontati per non compromettere l’esistenza di 278 realtà associative. Dall’esito del confronto politico su tali argomenti, potrà determinarsi una forte accelerazione dello sviluppo qualitativo delle esperienze realizzate oppure una possibile vanificazione degli sforzi compiuti in questi anni da centinaia di amministrazioni locali. In Puglia vi sono 19 Unioni (16 in provincia di Lecce, una in provincia di Brindisi, una per la provincia di Foggia ed una per Taranto) che raccolgono 85 Comuni su 258 totali. Alla manifestazione, parteciperà una delegazione di sindaci e amministratori pugliesi guidata da Antonio Lia, coordinatore regionale ANCI piccoli Comuni e Unioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!