Le biomasse in referendum. Soddisfatto il PdL

La nota del Comitato politico

“Si dà, finalmente, voce ai cittadini che grazie all’ascolto delle varie correnti di pensiero pro o contro tale insediamento potranno acquisire conoscenza dell’intera problematica”. E’ ciò che si legge nel documento emanato dal Comitato politico del PdL di Casarano

Il Comitato politico del Partito delle Libertà esprime soddisfazione per l’esito del Consiglio comunale della scorsa settimana che ha dato il via libera alla celebrazione di un referendum consultivo sull’insediamento di una centrale a biomasse. “L’esigenza di sottoporre a giudizio della cittadinanza un insediamento produttivo con le peculiarità della centrale a biomasse – si legge in un comunicato stampa – era irrinunciabile per una corretta gestione delle scelte di sviluppo che la classe politica è chiamata a fare nell’interesse della città. Si dà, finalmente, voce ai cittadini che grazie all’ascolto delle varie correnti di pensiero pro o contro tale insediamento potranno acquisire conoscenza dell’intera problematica e decidere in maniera democratica se volere o non volere tale tipo di sviluppo per Casarano. Naturalmente – prosegue la nota – la sezione comunale del PdL vigilerà affinché l’amministrazione municipale ottemperi all’impegno assunto in Consiglio comunale, mettendo in campo tutte le azioni amministrative propedeutiche allo svolgimento del referendum”. Sulla proposta di referendum per l’insediamento del centro di medicina nucleare, bocciata dall’assemblea cittadina, il Comitato politico del PdL “verificherà se esistono altre possibilità di intervento nel prossimo futuro e certamente vigilerà sul prosieguo delle procedure di avviamento dell’impianto”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!