Nuovi bozzetti di viaggio, percorsi storici e artistici nel Salento

Presentato al Museo Castromediano di Lecce il nuovo atlante interattivo che racconta il Salento in chiave multimediale.

“Nuovi Bozzetti di viaggio, percorsi storici e artistici nel Salento”. Presentato l' atlante interattivo prodotto dalla Provincia di Lecce e realizzato dal Museo Provinciale Sigismondo Castromediano,con la collaborazione tecnica dell'agenzia di comunicazione Cinquesensicreativi di Lecce

Orme sulla terra bruna, pietre scavate dal sole e dal vento, nomi e persone che fanno la storia di un popolo, note di musica antica. Insomma, un Salento tutto da raccontare e da conoscere. E proprio questo intende fare l’opera multimediale “Nuovi Bozzetti di viaggio, percorsi storici e artistici nel Salento”. Un atlante interattivo culturale ed etnologico prodotto dalla Provincia di Lecce e realizzato dal Museo Provinciale Sigismondo Castromediano, con il contributo dell’Unione Europea nell’ambito del progetto “Revised Digital Map” – PIC Iterreg III A Grecia-Italia, che ha visto il contributo di partner ellenici (Regione Epiro, Sovrintendenza delle Antichità di Ioannina, Prefettura di Ilia e la Santa Diocesi di Corfù, Paxi ed Isole Diapontine). L’ atlante multimediale, realizzato con cura dall’agenzia di comunicazione di Lecce Cinquesensicreativi, rappresenta un viaggio virtuale nel tempo e nello spazio, dalla preistoria all’Ottocento. Il lavoro, che ha richiesto tempi di realizzazione non brevi, è stato presentato giovedì 15 gennaio, presso l’Auditorium del museo Sigismondo Castromediano di Lecce. I relatori, Cosimo Durante, assessore allo Sviluppo locale, Politiche UE, e Attivita' produttive della Provincia di Lecce, Antonio Cassiano, direttore del Museo, Carmelo Calamia, dirigente del settore programmazione strategica, politiche giovanili e dell'immigrazione, turismo e marketing territoriale della Provincia di Lecce, e Iole Lasalandra, dell’agenzia di comunicazione Cinquesensicreativi. Animazioni in 3D, foto, video, testi descrittivi avvolti da colonne sonore espressamente realizzate. L’Atlante è di facile consultazione e l’utente, cliccando sulle icone, si sentirà il protagonista di un tour virtuale e potrà scegliere di intraprendere il percorso preferito. Ad accompagnarlo nel viaggio, un mappamondo in 3 D che si trasforma in una cartina multimediale del Salento, un glossario interattivo e dei links di approfondimento sui personaggi più interessanti, con l’intento di avvicinare alla storia anche i più piccoli. Il punto di partenza che ha dato spunto per la realizzazione dell’opera multimediale, a più di cento anni dalla pubblicazione, è “La provincia di Lecce: Bozzetti di viaggio” di Cosimo de Giorgi (1842-1922). L’opera del grande studioso leccese, scritta subito dopo l’unità d’Italia, è un’attenta e appassionata descrizione dei monumenti salentini e nasce dal materiale raccolto per tutta la provincia in un periodo che va dal 1880 al 1890. I “bozzetti di viaggio” rivisitati in chiave moderna, ne riprendono lo spirito, continuando il racconto della storia della terra salentina, ricca come poche altre dei segni del passaggio dell’uomo sin dalle più antiche età. Musei e siti archeologici, chiese e abbazie medievali, castelli, piazze e palazzi barocchi, ville e giardini che richiamano nello stile eclettico dell’Ottocento l’antico e mai estinto legame con l’Oriente. Un’ unica narrazione del Salento che, sullo sfondo dei suoi splendidi scenari, si snoda attraverso cinque percorsi: la Preistoria, l’Archeologia, il Medioevo, l’età barocca e il periodo dell’ 800-900, con una sezione dedicata alle foto d’autore. Ogni percorso è accompagnato da schede scientifiche di approfondimento dei siti e rimanda a personaggi e vocaboli particolarmente significativi. Una realizzazione senza dubbio graficamente accattivante, colma di contenuti preziosi e di grande valore culturale, che lega con perfetta armonia il passato, il presente ed il futuro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!