Evade dalla semilibertà. Arrestato

Anche la moglie ne aveva perso le tracce

Detenuto in regime di semilibertà presso la Casa Mandamentale di Maglie, aveva l’obbligo di farvi rientro ogni notte entro le ore 21.00. Mercoledì se ne erano perse le tracce. Una volta ritrovato, è stato condotto in arresto presso il carcere di Lecce

I carabinieri della Stazione di Salve hanno arrestato per evasione Luigi Meraviglia, un 59enne di Morciano di Leuca. L’uomo, detenuto in regime di semilibertà presso la Casa Mandamentale di Maglie, aveva l’obbligo di farvi rientro ogni notte entro le ore 21.00, cosa che era sempre avvenuta regolarmente. Ieri sera, nonostante fosse passato da tempo l’orario consentito, Meraviglia non si era presentato nel luogo di reclusione né aveva fatto avere notizie di eventuali situazioni che gli impedivano di rientrare. Immediatamente è stato dato l’allarme da parte del personale della Casa Mandamentale a cui hanno subito fatto seguito le ricerche condotte dai carabinieri della Stazione di Salve coadiuvati dai militari delle Compagnie di Tricase e Maglie. Nonostante la collaborazione fornita dalla moglie, che lo aveva visto partire per il luogo di detenzione alle 20.00, di Meraviglia non c’era traccia fino a quando, nelle prime ore della giornata di ieri, l’uomo è stato individuato non lontano dalla propria abitazione e, pertanto, dichiarato in arresto per evasione. Sono in corso indagini per risalire ai motivi, tutt’ora sconosciuti, che hanno indotto Meraviglia ad evadere. Dopo le formalità di rito l’arrestato è stato associato presso la Casa Circondariale di Lecce a disposizione dell’autorità giudiziaria

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!