Gallipoli. Un centro commerciale per il Peep 3

Proseguono gli interventi nel rione periferico della città ionica

Il centro commerciale nascerà in un terreno vasto circa 3mila metri. Ad aggiudicarsi il lotto di terreno, la ditta “Discoverde srl” di Soleto. La periferia di Gallipoli cresce

Continuano a giungere notizie positive per il Peep 3 di Gallipoli, il quartiere di nuovo insediamento urbano situato sulla via per Alezio. Dopo le recenti dichiarazioni con cui Giovanni Pisanello, assessore alle Periferie, ha preannunciato la realizzazione di una rotatoria che congiunga la strada per Alezio con via Berlinguer (via tra le principali del rione) per evitare problematiche al traffico ed alla sicurezza dei residenti e dopo la garanzia di una bonifica integrale del vasto lotto ricompreso tra via De Angelis, Arditi e Deledda (che sarà restituito al Peep una volta ultimati gli interventi di pulizia, rimboschimento e sbancamento, al fine di eliminare gli attuali, vertiginosi dislivelli), è ufficiale l'avvio dell'iter che consegnerà al quartiere il suo nuovo centro commerciale. L'Amministrazione comunale, infatti, ha provveduto ad espletare la procedura di pubblico incanto relativa al vasto terreno comunale – pari a circa 3mila metri – che lambisce principalmente via Corazzini ed anche, secondariamente, via Gozzano. Ad aggiudicarsi il lotto di terreno, alienato nell'asta pubblica dello scorso 30 dicembre, la ditta “Discoverde srl” di Soleto. L'esplicazione del bando (suggellato anche dall'avallo del consiglio comunale) consentirà di realizzare servizi per un rione cittadino che continua ad essere in forte espansione. “Si va ad inserire un tassello molto importante – ha spiegato Giuseppe Venneri, sindaco di Gallipoli – nel quadro più generale dell'impegno che sta profondendo l'Amministrazione comunale nell'affrontare e risolvere, di concerto con l'associazione “Città Nuova”, le varie problematiche del quartiere. Come nostro costume preferiamo che a parlare siano i fatti e quanto indicato in questi giorni dimostra come tangibilmente sia alta l'attenzione del nostro esecutivo nei confronti del Peep 3, per il quale vogliamo continuare a garantire servizi in grado di migliorarne la vivibilità”. La nuova realtà di via Corazzini, infatti, servirà per dotare la periferia gallipolina di attività direzionali (uffici), ricreative e soprattutto commerciali, andando così a colmare una carenza strutturale del Peep 3.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!