Spremitura delle olive? I reflui nel terreno

Illeciti ambientali nel Neretino

Sversava i reflui oleari derivati dalla spremitura delle olive in maniera illecita, in località Boncore a Nardò. Denunciato un uomo di Avetrana, titolare di un oleificio

Nel pieno della stagione olearia e sulla scorta di avvenimenti passati, il Nucleo di Polizia ambientale dei vigili urbani di Nardò ha eseguito nelle scorse ore diversi controlli che hanno portato a deferire all’autorità giudiziaria un uomo di 49 anni di Avetrana per illeciti ambientali riconducibili allo scarico illecito di acque di vegetazione. Sono bastati pochi appostamenti per scoprire quanto avveniva in località Boncore ad opera del titolare di un oleificio, sorpreso a sversare reflui oleari. I prodotti derivanti dalla spremitura delle olive, infatti, anziché essere conferiti sui terreni nel rispetto della normativa, anche allo scopo di fertilizzarli, venivano scaricati in maniera tale da inquinare sia i siti interessati sia l’ambiente circostante. “Le acque di vegetazione costituiscono un ottimo ammendante per i terreni solo, però, se impiegati in maniera razionale – ha spiegato Cosimo Tarantino, comandante della Polizia municipale -. Non a caso esistono leggi specifiche che ne disciplinano lo spandimento. L’uso non corretto sortisce l’esatto contrario, con gravi danni per l’ambiente”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!