Pistola in casa. Arrestato

L'uomo era già noto alle forze dell'ordine

Nascondeva nella sua abitazione di Tricase un'arma da fuoco, oleata, caricata di otto proiettili e col colpo in canna. Pronta a sparare. E' stato arrestato

Su ordine di carcerazione emesso dall’autorità giudiziaria, è stato arrestato dai carabinieri della Stazione di Tricase, un 54enne pregiudicato del luogo. Già agli arresti domiciliari per la medesima vicenda, l’uomo è stato associato alla Casa circondariale di Lecce per scontare un residuo pena di sei mesi per violazione della normativa in materia di armi. La condanna scaturisce da fatti che risalgono alla metà 2005, quando venne arrestato in flagranza di reato per detenzione illegale di un’arma da fuoco clandestina e del relativo munizionamento. A seguito di perquisizione personale e domiciliare effettuata dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Tricase, infatti, presso l’abitazione del 54enne venne trovata, nascosta all’interno del cestello di una lavatrice in disuso, una pistola, perfettamente funzionante ed oleata, con la matricola abrasa ed il caricatore, all’interno del quale c’erano otto proiettili, inserito. L’arma, con il colpo in canna, era pronta a sparare.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!