Candidatura a sindaco. Il no di Memmi

La smentita da parte dell’assessore di una sua possibile corsa a Palazzo dei Domenicani

Un candidato dalla forte personalità e che tenga unito il partito. E’ questo l’obiettivo di una parte del Pd casaranese. Che ora si divide tra quattro candidati: Claudio Casciaro, Gabriele Caputo, Paolo Zompì e Rocco Greco

“Non mi sono dichiarato disponibile ad una candidatura a sindaco, nemmeno con riserva. In questo momento ritengo che non sia opportuno”. Antonio Memmi, assessore alle Politiche Sociali, si defila dalla corsa a Palazzo dei Domenicani e smentisce i resoconti di stampa relativi alla riunione del Coordinamento del Partito Democratico, avvenuta mercoledì scorso. Confermate, invece, le candidature del consigliere provinciale Claudio Casciaro, del vice sindaco Gabriele Caputo e di Paolo Zompì. Sarebbe stato proprio il presidente del Consiglio comunale ad avanzare per primo la propria disponibilità, come ha dichiarato al “Tacco d’Italia” on line. Anche il consigliere comunale Rocco Greco ha proposto, in modo provocatorio, la sua candidatura. Quindi sono quattro, almeno per il momento, gli esponenti democratici che corrono per la poltrona di sindaco e allo stato il partito non ha scelta: deve fare ricorso allo strumento delle primarie. Era l’obiettivo che si era prefissato la minoranza del partito, anche per contrastare eventuali candidature imposte di esterni (leggi Ivan De Masi). Ma per questa componente, che si è sempre battuta per trovare una personalità alternativa all’attuale classe dirigente, arriva ora la fase più difficile. Proporre, appunto, un candidato dalla forte personalità, moralmente ineccepibile, che non abbia avuto in passato incarichi amministrativi, abbastanza conosciuto e che tenga unito il partito. Compito difficile, ma non impossibile. Ma se il piano non dovesse riuscire, la minoranza si ritroverebbe con un partito diviso e con una rosa di candidati che non corrisponde certo ai criteri del rinnovamento sperato. Intanto, i richiami ricorrenti all’unità del partito è il segno evidente che il Pd casaranese rischia di dividersi in questa fase delicata della sua breve storia. E’ noto da tempo che la più grande forza politica della città è frazionata tra chi appoggerebbe una candidatura De Masi senza ricorrere alle primarie e tra chi, al contrario, richiama i responsabili del partito al rispetto del regolamento. Non è semplice capire la forza dei due schieramenti. Una prima parziale verifica, anche se significativa, si avrà il 15 gennaio prossimo in occasione del Consiglio comunale che discuterà della proposta di referendum contro l’impianto a biomasse (proposta da Italgest) e contro il centro di medicina nucleare. Sarà interessante constatare quanti esponenti del Pd voteranno per istituire il referendum e quanti si dichiareranno contrari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!