Attraversava la strada. Travolto e ucciso

La tragica fatalità sulla Alezio-Taviano

Una disattenzione nell'attraversare la strada non illuminata è costata la vita ad un 61enne di Gallipoli. Una Fiat Punto non ha potuto evitarlo. L'uomo è morto sul colpo

E’ stata probabilmente una tragica fatalità ad uccidere Antonio Perrone, 61enne di Gallipoli, nel tardo pomeriggio di ieri. Associata ad una certa dose di distrazione. Perché Perrone, la strada provinciale che collega Alezio a Taviano la conosceva bene. Avrebbe potuto indicarne ogni singola stradina sterrata che su quella principale si affaccia. Ma, quando si è consumato l’incidente, alle ore 18.30 circa, quella strada è buia, essendo priva di illuminazione pubblica. E’ difficile percorrerla con sicurezza. Perrone l’ha fatto. E così, provenendo proprio da una di quelle stradine sterrate, di ritorno da un appezzamento di terreno dove aveva lavorato, ha deciso di attraversarla a piedi, probabilmente senza guardare se ci fossero veicoli in arrivo. Purtroppo neppure Luigi Greco, 39enne aletino, alla guida di una Fiat Punto, si è accorto di lui; l’ha visto solo all’ultimo momento, quando ormai era troppo tardi per evitarlo; ha, così, solo potuto sterzare, ma ciò non è bastato a salvare la vita al pedone. Benchè in stato di shock, è stato proprio Greco a chiamare i soccorsi. Ma l’uomo era morto sul colpo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!