In Palestina per portare la speranza

Uggiano la Chiesa. Il Comune sarà nella delegazione nazionale che parteciperà all’iniziativa “Per la vita e per la pace”

UGGIANO LA CHIESA – Uggiano La Chiesa in Palestina all'interno della delegazione nazionale che parteciperà fino al 23 dicembre all'iniziativa “Per la vita e per la pace” nei territori israelo-palestinesi. Impegnato nel progetto “Salento-Palestina” e nell’iniziativa “Olivo, Pace e sviluppo nel Mediterraneo” della Provincia di Lecce, il Comune guidato dal sindaco Salvatore Piconese consegnerà alle autorità civili e religiose di Betlemme il messaggio di solidarietà della comunità parrocchiale locale e soprattutto le lettere dei ragazzi e delle ragazze dell'Istituto Comprensivo, nelle quali i giovani uggianesi e casamassellesi esprimono i propri sentimenti di vicinanza ai loro coetanei che vivono in Terra Santa. Il programma che coinvolgerà il consigliere alle politiche della Pace Vincenzo Sisinni, prevede un percorso tra le varie città e luoghi simbolo della Terra Santa: Gerusalemme, Betlemme, Tel Aviv, Ramallah, Sebastia, Masada e Gerico. Inoltre è previsto un incontro ufficiale con le autorità palestinesi e israeliane, con il custode spirituale in Terra Santa padre Pierlugi Pizzaballa, con il sindaco di Bethlehem Victor Batarsech e il parroco della Chiesa della Natività padre Ibrahim Fhalthas. “E' un viaggio di speranza e la nostra comunità – dice Piconese – è direttamente impegnata in questo percorso di pace e di fratellanza tra i popoli. Andiamo in Palestina con la consapevolezza di essere protagonisti di una nuova politica di relazione fra le culture del Mediterraneo, improntata sul dialogo e sulla solidarietà”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!