Casarano non avverte l’emergenza rifiuti

La soddisfazione del sindaco per la maturità dimostrata dai cittadini

Cassonetti della spazzatura non stracolmi; nessun sacchetto di rifiuti vicino ad essi; nessun fetore. I disagi dei giorni scorsi relativi alla raccolta dei rifiuti non hanno toccato Casarano. Merito del “metodo Geotec” e dei cittadini responsabili

Ad una settimana dall’inizio della crisi, a Casarano l’emergenza rifiuti ancora non si vede. Infatti, se si confronta la situazione con quella di altri Comuni, come quello di Tricase, l’aspetto della città sembra quello di un Comune di un’altra provincia: i cassonetti della spazzatura non sono stracolmi; non ci sono sacchetti di rifiuti vicino ad essi; non si sente alcun fetore. Tra l’altro, ieri mattina, come ogni giorno, gli operatori della ditta che gestisce il servizio di raccolta della spazzatura, la “Geotec Ambiente srl”, hanno lavorato regolarmente. Come è stato possibile nel Comune più popoloso dell’Ato Le3? Dov’è finita la spazzatura raccolta dai bidoni in questi giorni se la discarica di Ugento è bloccata? La risposta è semplice: in parte si trova negli auto-compatattori, in parte è rimasta nei cassonetti e in parte nelle case dei cittadini che, con grande responsabilità, hanno risposto all’appello dell’Ato. Da segnalare il singolare metodo utilizzato dalla “Geotec Ambiente” nella raccolta dei rifiuti che ha senza dubbio contribuito a limitare gli effetti negativi dell’emergenza. Gli operatori ecologici, infatti, è vero che hanno espletato il servizio ogni giorno, ma è anche vero che non scaricavano negli auto-compattatori tutto il materiale dei cassonetti. Ne hanno scaricato solo una parte, più o meno un terzo, che è rimasta negli automezzi. In questo modo, la spazzatura di questi giorni è rimasta negli otto automezzi (la cui capacità sta, però, per esaurirsi), nei cassonetti e nelle case dei cittadini più responsabili. Fino a ieri, quindi, l’aspetto che avevano le strade, le piazze e i viali della città non faceva trasparire una situazione di degrado come negli altri comuni. L’appello dei giorni scorsi dell’Ato Le3 e del sindaco, Remigio Venuti, di tenere in casa l’indifferenziata sembra sia stato accolto dalla maggioranza dei casaranesi. “Devo plaudire al senso di responsabilità dei cittadini – ha sottolineato Venuti – perché non era scontato, e questo lascia intendere l’alto livello di maturità e di civiltà che la città ha raggiunto”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!