Il salotto dimenticato

Torna a far discutere il basolato di piazza Diaz

La questione “piazza Diaz” a Casarno torna alla ribalta per opera del circolo di Rifondazione comunista “Peppino Impastato”. “Il 40% dei basoli – dicono gli esponenti del Prc – sono ormai divelti e quindi poco sicuri sia per il transito dei veicoli sia per i passanti”

“Il salotto della città abbandonato nel completo degrado”. E’ unanime il giudizio da parte dei cittadini, dei commercianti e delle forze politiche sulle condizioni del basolato di piazza Diaz. A quattro anni dalla ristrutturazione, la piazza centrale della città torna a far discutere per i risultati di quei lavori. Un numero consistente di basoli, infatti, si è staccato dal materiale che li teneva incollati ed ora “ballano” pericolosamente ad ogni passaggio di auto o di pedone. Fa discutere anche l’autorizzazione concessa ad un operatore commerciale per l’insegna di un nuovo negozio, non proprio in linea con il contesto della piazza. C’è anche una testimonianza visiva sullo scempio della piazza e dei discutibili lavori sulla pavimentazione. Si trova su “You tube”, il noto sito web di condivisione dei video, ed è stata prodotta dagli esponenti dal circolo “Peppino Impastato” di Rifondazione Comunista; lo stesso video è stato diffuso anche su “Facebook”, altro noto sito web. In una nota diffusa l’altro ieri, Prc constata che “i nostri amministratori ci hanno così tanto disabituati al ‘bello in senso lato’ e fatti assuefare al disastro che hanno compiuto” che non riescono “a vedere lo scempio di piazza Diaz”. “Il Prc di Casarano – si legge ancora nella nota – chiede che nel brevissimo periodo vengano presi seri provvedimenti per la questione ‘Piazza Diaz’, visto l'assurda situazione attuale, che vede oltre il 40% dei basoli ormai divelti e quindi poco sicuri sia per il transito di motocicli e ciclomotori sia, e soprattutto, per i passanti! E’ assurdo che ciò che dovrebbe essere il ‘biglietto da visita’ della città venga abbandonato al degrado completo! Chiediamo – prosegue Prc – che vengano prese le decisioni che portino ad un restauro completo”. Rifondazione Comunista, infine, prende di mira Luigi Crudo, assessore ai Lavori Pubblici (“ci chiediamo come fa ad essere tranquillo e incurante di questa situazione così disastrosa”) e ne chiede le dimissioni. I lavori di restauro della pavimentazione di piazza Diaz, terminati nella seconda metà del 2005, furono accompagnati da molte polemiche, sia per le modalità per cui fu assegnato l’appalto (fu contestata la ditta che si aggiudicò la gara, non specializzata) che per le caratteristiche degli stessi lavori. I basoli furono prima tolti dalla piazza e poi, una volta restaurati, poggiati su uno strato di cemento magrone (fatto di acqua, sabbia e poca polvere di cemento). Contestualmente al lavoro di restauro, furono interrati anche vari servizi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!