Pericolo punteruolo rosso

Gli esperti hanno riconosciuto l'emergenza

Nardò è ufficialmente in “emergenza punteruolo rosso”. Il parassita delle palme, diffusosi in Italia a causa delle importazioni, ha varcato il confine del Salento

E’ arrivato anche a Nardò il punteruolo rosso delle palme. A renderlo noto l’agronomo Bruno Vaglio che entra nello specifico del problema. “Si sapeva – ha dichiarato – che era solo questione di tempo e che il famigerato punteruolo rosso delle palme (Rhyncophorus ferrugineus) sarebbe giunto anche da noi. Questo parassita, sbarcato in Italia con incaute importazioni, si è diffuso rapidamente nel Paese e in gran parte del Salento, dove ha già fatto razzia di palme”. Sono trascorsi appena due mesi dal rinvenimento di varie palme infestate nella frazione di Boncore e ora la minaccia entomologica riguarda anche la marina di S. Maria al Bagno con un esemplare di palma delle Canarie di circa 8 m di altezza ormai irrimediabilmente compromessa. “Purtroppo quando si rinviene una palma infestata – ha proseguito Vaglio – è assai probabile che altre piante della zona lo siano pur non manifestando ancora l’inequivocabile sintomatologia del crollo delle foglie centrali e la conseguente conformazione della chioma ad ombrello aperto. In ragione del fatto che è difficile debellare l’insetto quando è già penetrato nell’interno del tronco della pianta ospite, la lotta si basa su interventi preventivi e nell’individuazione precoce dei focolai”. Le larve infatti restano per un lungo periodo nell'interno della pianta, provocando la completa distruzione dei tessuti interni, rendendo pertanto poco efficace l’applicazione di sostanze attive. Di conseguenza è necessario impedire preventivamente il loro ingresso nella palma e soprattutto riuscire ad individuare precocemente il momento del loro primo insediamento. “Per provare a prevenire le infestazioni – ha concluso l’agronomo – le piante devono essere mantenute nelle migliori condizioni vegetative, adottando tutti gli accorgimenti tecnici che permettano di evitare o limitare l'insediamento iniziale dei parassiti. Si raccomanda in particolare di limitare la potatura delle foglie verdi, lasciando sulla pianta una lunga base fogliare. “E’ bene – ha dichiarato Mino Natalizio, assessore all’Ambiente – che la popolazione sia consapevole dell’obbligo di comunicare ai Servizi Fitosanitari (o agli uffici comunali) la presenza, anche solo sospetta, del punteruolo rosso in quanto rappresenta un grave rischio fitosanitario per la Comunità”. Anche Nardò è dunque ufficialmente in “emergenza punteruolo rosso”. Occorrerà profondere impegno e competenze tecniche per scongiurare che si prospetti un grave scenario di degrado del paesaggio. La palma è infatti la pianta che ha concorso di più a connotare il paesaggio delle “riviere”, diventandone elemento dominante, simbolo di vacanza e insieme un importante elemento del carattere “turistico” del verde urbano.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!