Dall'Alto. Anche di notte

Il progetto di illuminazione della torre

Da alcuni giorni la Torre dell'Alto, che ricade nel parco naturale di Portoselvaggio, può essere ammirata anche di sera grazie ad un finanziamento Por destinato all’illuminazione delle torri costiere

Torre dell’Alto, la torre neretina che da centinaia di anni domina incontrastata uno tra i paesaggi più suggestivi d’Italia, da alcuni giorni può essere ammirata anche di sera grazie all’intervento realizzato dal Settore Lavori pubblici del Comune nell’ambito dei finanziamenti Por finalizzati all’illuminazione delle torri costiere. La scelta è ricaduta sulla splendida torre che rientra nella perimetrazione del parco naturale regionale di Portoselvaggio – Palude del Capitano per la sua posizione strategica che consentirà di ammirarla anche dalla vicina Gallipoli e Porto Cesareo, che potranno così godere di finestre panoramiche notturne. Il recupero completo del manufatto, rientra tra gli obiettivi principali dell’Ente di gestione del parco; le somme necessarie alliniziativa saranno reperite attraverso finanziamenti comunitari e/o regionali. “Siamo consapevoli – ha dichiarato Mino Natalizio, assessore ai Lavori pubblici – che rendere agibile Torre dell’Alto, così come è avvenuto per la masseria Torrenova, rappresenti un altro importante tassello per implementare la fruizione dell’area protetta”. Torre dell’Alto fu edificata nel 1569 e rientra nel sistema di fortificazione costiero voluto dalla corona spagnola di Carlo V durante le lotte contro i turchi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!