A spasso nel tempo: Natale nel medioevo

Una passeggiata nella storia del mezzogiorno medievale

Impossibile rivivere epoche passate? Non ad Otranto. Stasera si ripercorrono quattrocento anni di storia: dall’XI al XV secolo con personaggi di ogni ceto sociale, dal popolano al monaco, all’uomo d’armi, al nobile, che rievocheranno momenti e aspetti di vita medievale

Per le vie del centro storico e nel fossato del Castello di Otranto la storia torna oggi a vivere con la seconda edizione del “Natale Medievale” o “Giornate Medievali di Otranto”. Voluto dall’Associazione Culturale “Otranto Mediterranea” composta da commercianti, ristoratori, albergatori e professionisti della ricettività turistica e supportato dal Comune di Otranto, l’evento è per la prima volta organizzato dal Coordinamento meridionale gruppi storici medievali De Rebus Gesti e prevede una vera e propria passeggiata nella storia del mezzogiorno medievale. Quattrocento anni di storia, dall’XI al XV secolo saranno ripercorsi con personaggi di ogni ceto sociale, dal popolano al monaco, all’uomo d’armi, al nobile che rievocheranno momenti e aspetti di vita medievale. Il grande fossato del castello sarà il fulcro dell’evento: ospiterà un mercato medievale dove mercanti e artigiani esporranno i prodotti e le lavorazioni tipiche dell’epoca,un grande accampamento con circa dodici tende sarà allestito mettendo in mostra armi e armature e rappresentando scene di vita da campo. Si susseguiranno in un suggestivo e immaginario viaggio temporale, con i loro accampamenti i Bizantini dell’XI secolo al tramonto del loro potere nella città, i Normanni, scaltri e bramosi di potere a tal punto da partire dalle sponde della città per conquistar terre ai Greci, gli Svevi che nel XIII sec. elevarono la città a porto d’Europa per conquistare la Terra Santa e combattere i Saraceni che tanto avevano razziato e portato lutti alla città nei secoli, presenti anch’essi con i loro accampamenti accanto ai monaci guerrieri templari loro acerrimi nemici. La fine del XIV secolo sarà rappresentato da un gruppo di armati del potente principe di Taranto Raimondello del Balzo Orsini terminando il viaggio con gli armigeri di Ferrante d’Aragona che cacciarono i sanguinosi turchi dalla città. Inoltre sarà allestito un campo di tiro con l’arco storico presidiato da rievocatori Saraceni, esperti in questa arte e sarà occasione per il pubblico di provare e cimentarsi nel tiro. Nella lizza approntata all’interno del fossato si susseguiranno spettacoli di musici: l’ensemble vocale-strumentale specializzato nell’esecuzione di musica medievale “Ars Antiquae Musicae”, il coro “Gaudium vitae” ed il coro di voci bianche “Pueri Cantores” si esibiranno nel repertorio medievale sacro e profano. Danzatori, giocolieri, cavalieri appiedati che si confronteranno in duelli cortesi e dimostreranno le tecniche di combattimento medievali; cavalieri a cavallo si confronteranno in giochi marziali di abilità e combattimenti. Programma Sabato 27 dicembre 15:30 Cerimonia di apertura 16:00 Apertura Accampamenti Apertura Mercato Apertura campo di tiro con l’arco permanente Guardia alla porta (bizantini) 17:00 Cambio Guardia (normanni) 17:15 Dimostrazione di combattimento tra bizantini (Platea Armorum) 17:30 Dimostrazione di brandeggio d’armi ed abilità a cavallo (Platea Armorum) 18:00 Cambio Guardia (crociati) 18:15 Dimostrazione di combattimento tra normanni (Platea Armorum) 18:00 Apertura punti ristoro (fossato del Castello) 18:30 Spettacolo di musica medievale profana (Platea Armorum ) 19:00 Spettacolo di giocoleria e focoleria Cambio Guardia (svevi) 19:15 Dimostrazione di combattimento tra crociati (Platea Armorum) 20:00 Cambio Guardia (tardo angioini) 20:15 Dimostrazione di combattimento tra svevi e saraceni (Platea Armorum) 20:30 Cerimonia solenne di ingresso nell’ordine Templare (Platea Armorum) (a seguire) Spettacolo di musica medievale 21:00 Cambio Guardia (aragonesi) 21:15 Dimostrazione di combattimento tra tardo angioini (Platea Armorum) 21:30 Spettacolo di danze medievali (Platea Armorum) Rientro (senza cambio) della guardia aragonese 22:00 Battaglia tra due schieramenti in armi (Platea Armorum)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!