Dalle prove alla prima:”Non abbiate paura”

Firmato dalla regista Ludovica Polito

Al Politema Greco di Lecce è stato presentato il musical “Non abbiate paura” del gruppo teatrale San Francesco d'Assisi di Novoli. Il “docu-backstage” è stato girato da Ludovica Polito e racconta il lungo e duro lavoro degli attori

Prodotto dalla “IentuFilm” di Davide Micocci, il “docu-backstage” è girato completamente in alta definizione, secondo le più moderne tecnologie digitali. Racconta il lungo lavoro dei giovani attori del gruppo teatrale, guidati dal regista e ideatore del musical, don Giuseppe Spedicato. “Presenteremo questo prodotto che è un misto tra documentario e backstage.” Spiega Ludovica Polito.”Raccoglie le esperienze di tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione del musical, ma con un montaggio da documentario.” Per la giovane regista non solo un'esperienza professionale, ma soprattutto umana. “Le immagini parlano da sé, vogliono testimoniare questa aggregazione, questo gruppo di ragazzi che invece che dedicarsi a divertimenti più scontati, scelgono di mettersi insieme per condividere valori alti, per comunicare la figura del papa. Sono rimasta piacevolmente colpita, nelle mie immagini cercherò di far emergere questo alto significato di valori”. Spiega don Giuseppe Spedicato, regista del musical: “Abbiamo scelto di non disperdere tutto il lavoro di mesi e mesi di prove e di registrare gli sforzi degli oltre 50 giovani partecipanti, soprattutto perché tutto il lavoro sia una testimonianza. La pastorale giovanile ha bisogno di queste forme innovative di approccio alle giovani generazioni. Il musical è una di queste, ma anche un filmato, un documentario, parla il loro linguaggio, quello che i giovani ascoltano tutti i giorni, e aiuta nella testimonianza continua e profonda.” La presentazione rientra nel programma “Prima della prima”, in collaborazione con il Comune di Novoli e con l'Assessorato alla Cultura e la Regione Puglia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!