Andrano. Maltempo per 700mila euro

Il risultato della ricognizione degli uffici del Comune

In seguito alle mareggiate delle scorse settimane, il Consiglio cittadino ha approvato all’unanimità la richiesta del riconoscimento dello stato di calamità naturale, oltre che di area particolarmente colpita dalle eccezionali avversità atmosferiche

700 mila euro complessivi di danni. È questa la cifra stimata dagli uffici dell’amministrazione comunale di Andrano, dopo una ricognizione presso la zona costiera e marina, a qualche settimana dalle spaventose mareggiate con venti spiranti a oltre 120 km/h che hanno coinvolto quasi tutto il tratto di costa compreso tra Otranto e Santa Maria di Leuca. Il Consiglio cittadino l’altro giorno, su proposta del sindaco Giuseppe Accogli, ha approvato all’unanimità la richiesta del riconoscimento dello stato di calamità naturale, oltre che di area particolarmente colpita dalle eccezionali avversità atmosferiche. La località più colpita è quella de “la Botte” dove erano ormai in corso di ultimazione i lavori di bonifica della scogliera con rimozione di ampie superfici cementate e posa in opera di pietra locale. La forza del mare ha divelto il rivestimento sotto il muraglione del parcheggio, dello scivolo di accesso alla vaschetta e di altre superfici su tutta l’area. Il muro di contenimento del parcheggio presenta due brecce, larghe 10 metri, alte 4 e profonde 2, che hanno provocato lo sgretolamento dell’asfalto sovrastante e il crollo di alcuni tratti della recinzione dello stesso parcheggio. In località “Grotta Verde” rimosse ampie parti di pavimentazione in pietra realizzate su area demaniale. Inoltre, il muro di recinzione dei parcheggi è stato sottoposto ad ulteriore logoramento. Al “Porto” divelto il muretto in pietra viva con sovrastante cappelletto in calcestruzzo cementizio situato all’ingresso del porticciolo. Mentre verso la “Chianca Liscia”, in prossimità del territorio di Diso, l’intero tratto di scogliera ha subito una notevole trasformazione a seguito del distacco in molti punti e della rimozione di grossi massi. Il Consiglio, inoltre, su proposta della minoranza integrata dalla maggioranza, ha approvato all’unanimità l’istituzione di un tavolo di confronto al fine di verificare l’esecuzione della posa in opera del rivestimento in zona “la Botte” e individuare le migliori soluzioni progettuali per i lavori di ripristino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!