Fossili, orologi e torri civiche

Intervento finanziato con il programma comunitario Leader Plus

Il Comune di Santa Cesarea Terme, presso Palazzo Gargasole, nella frazione di Vitigliano ha inaugurato il Museo degli Orologi delle Torri Civiche ed il Museo dei Fossili

Usufruendo della consulenza di Antonella Lifonso di Edoardo Winspeare, il Museo degli Orologi delle Torri Civiche è stato dotato di quelle caratteristiche di “spettacolarizzazione” e d’attrattività, finalizzate ad interessare costantemente i visitatori e di avere una capacità di attrazione anche al di fuori delle stagioni prettamente turistiche. Per legge, nel 1913, venne costituito il Comune di Santa Cesarea Terme, accorpando il territorio denominato “Marina di S. Cesarea” e le frazioni abitate di Cerfignano e Vitigliano, ciascuna con la propria Torre Municipale ed il proprio orologio. L’orologio della frazione di Vitigliano fu costruito dalla ditta “Granaglia” di Torino presumibilmente intorno al 1906. L’orologio della frazione di Cerfignano fu costruito dalla “Premiata Fabbrica di orologi” di Fontana Cesare nel 1911 a Milano, come si evince dalla targhetta apposta sullo stesso. Nella stanza adiacente, anch’essa rinnovata, prende posto la “sala cinema” in cui viene proiettata la “clip del tempo”. Infine, nell’entrata, si erge maestosa e allo stesso tempo aggraziata, una torre con l’installazione dell’orologio della torre civica del Comune di Santa Cesarea Terme. Rimesso a nuovo, il rintocco di questa macchina del tempo echeggia nelle storiche pareti dell’atrio. L’orologio di Santa Cesarea risale presumibilmente agli anni tra il 1945 ed il 1950 ma non è nota la ditta costruttrice. Per quasi cento anni, questi orologi hanno accompagnato la vita degli abitanti delle tre comunità.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!