Casarano da scoprire

La città si apre ai visitatori natalizi

Tra manfiesti pubblicitari piazzati in tutta la provincia con foto dei mosaici e degli affreschi e la realizzazione di audiobox di informazioni storico-artistiche, Casarano si apre ai turisti natalizi. Il presepe vivente resta un must della visita alla città

Sulle strade della provincia di Lecce sono stati recentemente installati otto cartelloni pubblicitari (2,40x3m) che riproducono le splendide immagini dei mosaici policromi e degli affreschi medioevali della Chiesa di Santa Maria della Croce: “Casarano e Casaranello – I mosaici e gli affreschi del Paradiso”, un lavoro fotografico di Fabio Pino e Andrea Morgante. E’ inoltre in fase di attivazione un audiobox che funzionerà all’interno della prestigiosa chiesa, una delle prime testimonianze di architettura paleocristiana. Tramite strumenti audiovisivi saranno quindi illustrate le bellezze artistiche del monumento: i pregevoli manufatti musivi del V sec. d. C., la cui simbologia allude appunto al Paradiso Terrestre, gli affreschi del periodo bizantino (XI sec.) e di quello gotico (XIII). Il testo, sia nella veste audiovisiva sia in quella grafica, è stato scritto dal prof. Gino Pisanò e tradotto in lingua inglese. Il progetto è stato realizzato con il contributo dell’Amministrazione comunale di Casarano. Così la città si apre ai visitatori che, nel periodo natalizio potranno inoltrarsi tra le case a corte ed i frantoi ipogei del centro storico. Anche quest’anno, tra un palazzo signorile e l’altro di piazza d’Elia, si snoda infatti il percorso organizzato dall’associazione Amici del Presepe, un atteso appuntamento giunto alla tredicesima edizione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!