Preso il pirata della strada

L'auto era nel garage dei genitori

Quando è stato bloccato dai poliziotti della Squdra Mobile, ha confessato le sue responsabilità. Fabio Bianco, 37 anni, di Lecce, vicino di casa di Omar. E' lui che l'ha travolto ed ucciso domenica notte

Il modello della macchina ed anche il colore corrispondono a quelli che le forze dell’ordine stavano cercando. Una Citroen C1 di colore grigio scuro. E non è stato difficile giungere fino al proprietario della vettura. Si chiama Fabio Bianco, ha 37 anni ed è di Lecce. Di più: è un vicino di casa di Omar Monaco, il 21enne travolto ed ucciso da un’auto pirata alcune sere fa. E’ stato proprio Bianco ad uccidere il giovane; l’avrebbe travolto con la sua auto e poi sarebbe fuggito via senza prestare alcun soccorso. Il 37enne, bloccato dalla Squadra mobile della Polizia, ha ammesso tutto. La C1 che si stava cercando è stata rinvenuta nel garage della casa dei genitori di Bianco: aveva i segni ancora evidenti di un violento impatto sul cofano e sul parabrezza; ed anche il fanalino rotto (alcuni frammenti del fanalino erano stati ritrovati sul luogo dell’incidente). Nella tarda serata di ieri Bianco è stato interrogato alla presenza dei suoi avvocati. Un considerevole aiuto alle indagini è stato dato dai vicini di casa di Omar; appena appreso del modello di auto cercata, hanno subito contattato il 113 e segnalato la possibilità responsabilità di Bianco.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!