Discarica Burgesi. Per colpa di chi?

L’interpellanza dei Comunisti italiani

Gli scavi esplorativi realizzati stamattina in alcune cave della zona Burgesi, in territorio di Ugento, hanno protato alla luce rifiuti, anche nocivi. Angelo Minenna (Comunisti italiani) ha scritto a sindaco ed assessore all’Ambiente

Di chi sono le colpe dell’interramento, nella zona delle cave Burgesi, ad Ugento, di rifiuti, anche pericolosi? E quali provvedimenti l’Amministrazione ha in mente di adottare per evitare che altri scempi ambientali del genere si possano verificare? Angelo Minenna, segretario del Partito dei Comunisti italiani di Ugento, lo chiede in un’interpellanza urgente rivolta ad Eugenio Ozza e Massimo Lezzi, rispettivamente sindaco ed assessore all’Ambiente del Comune di Ugento. Di seguito il testo integrale dell’interpellanza. Partito dei Comunisti Italiani Sezione di Ugento Il Consigliere Comunale Alla cortese attenzione del Sindaco del Comune di Ugento on.le Eugenio OZZA (in qualità di Autorità Sanitaria competente per il territorio ugentino e di componente dell’ATO LE/3 sui rifiuti Alla cortese attenzione dell’Assessore all’Ambiente del Comune di Ugento avv. Massimo LECCI LORO SEDI Oggetto: interpellanza URGENTE Egregi Signori: premesso che: – Nella mattinata del 18 dicembre 2008, su disposizione del pubblico ministero Donatina Buffelli ed a seguito dell’autodenuncia dell’imprenditore Bruno Colitti, sono stati effettuati degli scavi esplorativi in alcune cave della zona Burgesi, in territorio di Ugento. – Sulla base di quella denuncia, nelle cave suddette, erano stati interrati numerose tipologie di rifiuti, tra cui inerti, ingombranti e fusti di rifiuti tossici. – Apprendo, nel momento in cui scrivo, da alcune emittenti televisive salentine, che, dai sopralluoghi ispettivi e dagli scavi effettuati, a cinque metri di profondità risultano interrati copertoni, macchine abbandonate e rifiuti solidi urbani. – Ci troviamo in una zona già fortemente compromessa, dal punto di vista ambientale, per la presenza della discarica di rifiuti solidi urbani, e già interessata da fenomeni illegali a danno dell’ambiente, come lo scarico, negli anni passati, in una di quelle cave, di fusti di pericoloso policlorobifenile (PCB). Bidoni questi scaricati proprio a ridosso della falda acquifera sotterranea, che alimenta numerosi pozzi della zona per uso agricolo. – Al di là dell’indagine della Procura e della Guardia di Finanza, questo interramento illegale di rifiuti nel territorio ugentino rappresenta l’ennesimo danno ambientale a cui i nostri concittadini, e noi stessi, siamo sottoposti. Tutto quanto sopra premesso, CHIEDO al Sindaco di Ugento on. le Eugenio OZZA e all’Assessore all’Ambiente avv. Massimo LECCI, ognuno per le rispettive competenze e nell’ambito dei propri ruoli istituzionali, di poter svolgere una dettagliata ed esaustiva relazione nella prossima seduta utile del Consiglio Comunale, volta ad accertarne le cause e le responsabilità, in merito a questo grave fenomeno di scarico ed interramento illegale di rifiuti. Altresì si chiede di informare il Consiglio Comunale, e quindi la cittadinanza tutta, su quali misure, fattive e concrete, intende intraprendere la Giunta Comunale per tutelare la salute e l’ambiente dei cittadini di Ugento, Gemini e Torre San Giovanni e per evitare che tali danni ambientali possano ripetersi ad Ugento e nel suo territorio. Certo di Vs. positivo accoglimento, l’occasione è gradita per porgervi i miei migliori saluti. Angelo MINENNA

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!