Da Squinzano a Bergamo per uccidere. Oggi l'interrogatorio

Gli accertamenti ospedalieri hanno confermato la violenza subita dalla fidanzata

Ai poliziotti ha confessato di essersi recato a Bergamo per uccidere lo stupratore della sua fidanzata. Sarà interrogato oggi pomeriggio dal gip

Sarà di fronte al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bergamo nelle prime ore di questo pomeriggio. Il 27enne Luigi Gaudadiello, di Squinzano, dovrà chiarire gli aspetti più oscuri della vicenda che lo vede accusato dell’omicidio del marocchino Abdelghani Khadda, eseguito con due colpi di coltello. Alle forze dell’ordine si è consegnato da solo, confessando le proprie responsabilità e spiegando che fino a Bergamo l’aveva mosso la voglia di vendicare la fidanzata rimasta vittima di una violenza sessuale ad opera, appunto, del cittadino di nazionalità marocchina. La giovane è stata nel frattempo dimessa dall’ospedale dove si trovava per gli accertamenti e per verificare l’entità della violenza subita, confermata dagli esami cui è stata sottoposta. Ma ci sono ancora contorni sfuocati nella vicenda. Ad esempio la provenienza dei coltelli tramite i quali Gaudadiello avrebbe eseguito l’omicidio. Aveva detto di esserseli procurati a casa ma i familiari negano di averli mai visti. Potrebbe averglieli forniti il suo compagno di viaggio, pare un extracomunitario, che sembra averlo accompagnato nel tragitto in macchina fino a Bergamo. Di lui, al momento, si sono perse le tracce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment