Trasporti. Trattative positive Provincia-Regione

Lecce. Gli assessori provinciale e regionali ai Trasporti hanno dato il via alla definizione delle proposte di gestione in vista del servizio su gomma

LECCE – Il 31 dicembre 2013 scadranno i contratti di servizio di competenza regionale e provinciale su gomma. E’ pertanto necessario dare avvio, per tempo, alle procedure previste dalla normativa nazionale (decreto Monti e decreto liberalizzazioni) e regionale in materia di trasporto pubblico per competenze, determinazione e quantificazione dei nuovi servizi minimi. L’assessore Minervini stamattina ha esposto il percorso programmatico, giudicato “metodologicamente condivisibile” da Palazzo dei Celestini poiché “contiene molte delle richieste che questa amministrazione provinciale sin dal suo insediamento ha avanzato, ma che purtroppo non sono state recepite”. Sulla questione la Provincia chiede alla Regione maggiore autonomia nella gestione dei trasporti su gomma, integrandoli con quelli su ferro delle Ferrovie Sud Est che restano di competenza regionale creando una maggiore integrazione anche con quello su ferro. Ciccarese sostiene inoltre di eliminare le inutili sovrapposizioni tra gomme e ferro e dunque evitare che un Comune, già servito dal trasporto via gomma sia collegato anche dalla ferrovia e viceversa. Palazzo dei celestini inoltre chiede alla Regione la realizzazione di un’“area suburbana” ovvero un’area, che dovrebbe includere diversi Comuni dell'hinterland leccese nei quali “spingere” i bus Sgm integrandoli nel circuito cittadino. Alla luce dell’incontro di oggi Cicarese si è detto fiducioso che si possa aprire una “nuova fase di una programmazione e una riforma condivisa del trasporto pubblico” al fine di sviluppare un servizio di trasporti integrato che risponda alle reali esigenze e alla crescente domanda di mobilità dei cittadini e anche dei turisti. “All’assessore Minervini offriamo tutto il nostro impegno e la massima disponibilità – ha detto Ciccarese -, per giungere preparati a questo importante appuntamento di rinnovo dei contratti di servizio fino al 2022, secondo le modalità che egli ritiene più opportune e nel rispetto delle tappe individuate dal crono programma”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment