Personal trainer col vizietto

Anabolizzanti e cocaina, in casa e addosso

Di giorno salutista in palestra. Di sera, spacciatore di cocaina e di sostanze anabolizzanti. Un personal trainer di 22 anni, incensurato, è stato arrestato dai poliziotti della Squadra Narcotici di Lecce

Avvistandolo in via Marche, a Lecce, di fronte ad una abitazione dove altre volte era capitato di vedere assuntori di cocaina, i poliziotti della Squadra Narcotici si sono chiesti che cosa ci facesse, un personal trainer come lui, dedito all’attività ed al benessere fisico. Alla prima perquisizione personale è parso subito chiaro il motivo che aveva spinto lì Valentino Loforese, 22 anni, originario di Monopoli ma trapiantato a Lecce da due anni; il giovane aveva addosso due dosi di cocaina e denaro contante per ben 1.1.50 euro. Alla perquisizione personale è seguita quella domiciliare. Presso l’abitazione di Loforese i militari hanno rinvenuto un barattolo da 500 grammi di carnitina, riempito con mannite (sostanza da taglio) ed un altro da 200 grammi di creatina in polvere. Nella cassaforte, con combinazione, erano custodite due confezioni in cellophane contenenti l’uno 14 grammi e l’altro 6,6 grammi di cocaina assieme a tutto il necessario per confezionare le dosi e ad una vasta gamma di sostanze anabolizzanti. Il personal trainer è stato condotto presso il carcere di Borgo San Nicola dove sarà interrogato dal gip Antonio Del Coco.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!