Referendum sull’ambiente. Pochi sì

Forza Italia accusa maggioranza e opposizione di “scarsa volontà”

Casarano. Solo quattro firme per la richiesta di convocazione di un Consiglio comunale monotematico sull’impianto di medicina nucleare e sulla centrale a biomasse. Ne servirebbe un’altra. Giampiero Marrella: “Se Zompì volesse, potrebbe indirlo ugualmente”

Offensiva dell’opposizione di centro-destra sul referendum per le questioni ambientali. Forza Italia accusa i consiglieri della maggioranza e dell’opposizione di “scarsa volontà” per giungere in tempi rapidi all’indizione della consultazione referendaria. Nei giorni scorsi, infatti, i gruppi di Forza Italia e dell’Udc avevano chiesto a Paolo Zompì, presidente del Consiglio comunale, la convocazione di un’assemblea cittadina per discutere della questione. L’istanza, però, per scarsità di adesioni, è stata firmata solo da quattro consiglieri, insufficienti per costringere il presidente a diramare le lettere per l’adunanza. Serve la quinta firma in calce alla richiesta di convocazione del Consiglio comunale. Ordine del giorno: discutere di due referendum contro l’impianto di medicina nucleare (proposta dal Consorzio Radon) e contro la centrale a biomasse (progetto di Italgest Energia), con la speranza di convincere una maggioranza qualificata (14 consiglieri) a promuoverli e restringere così i tempi per la loro effettuazione. Speranza, però, che sembrerebbe già illusoria, considerato che Forza Italia e Udc non sono riusciti nemmeno a raccogliere le cinque firme necessarie per riunire un Consiglio comunale monotematico. Secondo lo Statuto comunale, la richiesta della maggioranza qualificata dei rappresentanti dei cittadini eviterebbe all’associazione “Idee Insieme” e al comitato “Energia, ambiente e vita”, sodalizi che si battono contro l’installazione dei due impianti, l’immane lavoro della raccolta di firme (autenticate) di almeno il 20% degli aventi diritto al voto alla Camera dei Deputati, come minimo 4mila sottoscrizioni corredate dalla richiesta di documento e trascrizione dei relativi dati sui tabulati. “E’ desolante la mancanza di volontà dei rappresentanti del popolo – afferma Giampiero Marrella, capogruppo di Forza Italia – per permettere in tempi rapidi di celebrare un referendum consultivo sulle questioni di natura ambientale. Ad oggi non risultano pervenute adesioni rispetto alla nostra richiesta del 26 novembre scorso. Non si capisce – aggiunge l’esponente dell’opposizione – quali siano i motivi che impedirebbero di dare la parola ai cittadini su temi così importanti. Bisogna, però, tener conto di un particolare – rivela, concludendo, Marrella –: il presidente Zompì, se lo volesse, potrebbe convocare comunque il Consiglio comunale, anche se manca la quinta firma. Dipende dalla sua sensibilità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!